Lavatrice: i trucchi per pulire in modo ecologico

Lavatrice: i trucchi per pulire in modo ecologico

Fonte immagine: Istock

Potete avere un bucato perfettamente pulito, profumato e igienizzato ad ogni lavaggio in modo assolutamente ecologico.

Pulire in modo ecologico non è sempre semplice: esistono, però, molti trucchi che possono semplificarci il lavoro e la vita.

Con il passare del tempo, l’efficienza della lavatrice può essere messa a dura prova da eventuali residui di acqua, sporco, sapone e calcare che tendono ad accumularsi all’interno del cestello, sulle guarnizioni, nel filtro ma se impariamo queste piccole astuzie abbiamo la possibilità di mantenere anche il nostro elettrodomestico in perfetta salute.

Trucchi per pulire in modo ecologico
Fonte: Istock

I trucchi green per pulire in modo ecologico

  • Cominciamo dall’acquisto: la classe energetica. Si tratta di un valore che permette di capire indicativamente l’impatto energetico della lavatrice. Ogni elettrodomestico ha un’etichetta che ne definisce la classe. I modelli A+++ sono i migliori a livello di efficienza energetica e poi a scalare.
  • Gli orari migliori: avviare i lavaggi in fasce orarie a ridotto costo energetico (dalle 19:00 alle 8:00 nei giorni feriali e nei weekend) abbatte le bollette e fa bene all’ambiente.
  • Prima del lavaggio: è bene pretrattare le macchie con sapone di Marsiglia oppure, e in questo caso serve anche a sbiancare, si possono lasciare i capi in ammollo per una notte in acqua e bicarbonato. In questo modo potremmo poi utilizzare in un secondo momento meno detersivo a vantaggio delle nostre tasche, ma anche del Pianeta.
  • Il trucco della pallina da tennis: aggiungendo due palline da tennis nel cestello della lavatrice si può  potenziare l’efficacia del lavaggio. Come? I due oggetti selezionati tra vecchi privi di pelucchi riprodurranno lo stesso potente effetto di strofinamento dello sbattere i panni aumentando l’azione pulente.
  • Imparare a rinunciare: non lasciatevi convincere dal marketing. I detersivi per capi neri, per esempio, sono solo trovate commerciali. A fare la differenza da un normale detersivo è un enzima (cellulase) che “taglia” i pelucchi che tendono a ingrigire un capo nero, in questo modo, però, il capo si consuma subito.
  • La scoperta dell’acqua calda: non tutti sanno che usare l’acqua calda accresce l’efficacia del lavaggio e del detersivo.
  • Usare prodotti naturali e biologici, meglio se fatti in casa: online e offline esistono moltissime ricette per fare saponi e detersivi che puliscono bene i capi e ci permettono di rinunciare alle plastiche contenute nei prodotti commerciali. Ne trarremmo giovamento noi e soprattutto l’ambiente.
  • Le ricette della nonna: aceto, bicarbonato e acido citrico sono una vera forza. Magari alternando con i detersivi convenzionali, se usati nelle giuste proporzioni e diluiti nell’acqua, non hanno nulla da invidiare a ciò che trovi al supermercato.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle