• GreenStyle
  • Consumi
  • Lattuga contaminata da Escherichia coli: epidemia negli Usa, un morto

Lattuga contaminata da Escherichia coli: epidemia negli Usa, un morto

Lattuga contaminata da Escherichia coli: epidemia negli Usa, un morto

Fonte immagine: Pixabay

Negli Stati Uniti vi è una vera e propria epidemia di Escherichia Coli causata dalla lattuga romana: identificata l'origine, ma c'è anche un morto.

In quella che è ritenuta la peggiore epidemia di Escherichia Coli da più di un decennio, negli Stati Uniti la lattuga romana contaminata è responsabile della morte di una persona in California e il numero degli individui ammalati è salito vertiginosamente a 121 in 25 diversi Stati.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno ora segnalato 121 casi di infezione che hanno colpito persone fra gli 1 e gli 88 anni, soprattutto negli Stati della California e della Pennsylvania. Il responsabile è la lattuga romana coltivata a Yuma, in Arizona, regione che produce il 90% della lattuga invernale della nazione, e che ha in gran parte smesso di coltivare il raccolto invernale.

La scorsa settimana è stato reso noto che in una fattoria della zona è stato individuato un focolaio di infezioni rilevato in una prigione dell’Alaska, dove 8 detenuti si sono ammalati dopo aver mangiato lattuga romana. Ciò non spiega però dove abbia avuto origine l’epidemia, dunque le autorità per la sicurezza alimentare degli Stati Uniti sono attualmente al lavoro per approfondire la questione.

Nonostante la lattuga contaminata da E. Coli non venga più prodotta e distribuita nella regione di Yuma, la sua durata di conservazione (21 giorni) fa sì che non si possa essere certi che non sia più presente nella catena di approvvigionamento. Per questa ragione la FDA sta “esaminando tutte le possibilità, compresa la possibile contaminazione in qualsiasi momento lungo la catena di coltivazione, raccolta, imballaggio e distribuzione”.

Seguici anche sui canali social