• GreenStyle
  • Salute
  • Latte artificiale per bambini: troppi zuccheri secondo studio UK

Latte artificiale per bambini: troppi zuccheri secondo studio UK

Latte artificiale per bambini: troppi zuccheri secondo studio UK

Latte artificiale per neonati troppo ricco di zuccheri secondo uno studio della Leeds Beckett University.

Il latte materno resta la soluzione ideale per i neonati. A confermarlo anche un nuovo studio della Leeds Beckett University, secondo il quale in diverse formulazioni di latte artificiale comunemente utilizzate in Europa si troverebbero alti livelli di carboidrati, zuccheri e lattosio. Quantità superiori a quelle assunte in caso di allattamento al seno, spiegano i ricercatori britannici. La ricerca è stata pubblicata sul British Dental Journal.

Secondo lo studio della Leeds Beckett University in molti casi verrebbe sforato il limite di 7,5 grammi di zuccheri per 100 ml previsto dall’Unione Europea. I ricercatori britannici hanno analizzato, in collaborazione con i colleghi dell’Università di Ginevra e del Kings College London, undici campioni di latte artificiale per neonati. I prodotti erano tutti appositamente studiati per i bambini al di sotto dei tre anni.

Nel complesso il quantitativo di zuccheri nelle formulazioni andava da 1,1 grammi/100 ml (prodotti per neonati con meno di sei mesi d’età) fino a 9,8: in media 5,9 grammi/100 ml. A preoccupare sono anche le etichettature, con alcune fonti di zuccheri non indicate in maniera chiara e riconoscibile. Proprio per questo motivo i ricercatori chiedono norme più stringenti in materia di “etichette trasparenti”:

Lo scopo dello studio non è quello di far sentire le mamme colpevoli in merito alle loro scelte alimentari, ma di ottenere un’etichettatura più chiara così che i genitori possano compiere scelte consapevoli e di incoraggiare i decisori politici a regolamentare zuccheri e ingredienti.

Fonte: BDJ

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Spreco di cibo: i numeri in Italia (video)