La bici che cambia le marce col pensiero arriva da Toyota

La bici che cambia le marce col pensiero arriva da Toyota

La bici che legge nel pensiero, cambiando in questa maniera la marcia in automatico, è realtà. L'invenzione è della Toyota e apre forse una nuova frontiera della tecnologia

La bicicletta è forse il mezzo di trasporto più immediato che si possa immaginare. Nonostante esistano ormai modelli sempre più avanzati, la base è uguale fin dalle origini: un motore “biologico”, una trasmissione relativamente semplice e due ruote. Difficile aggiungere qualcosa a uno strumento già così perfetto.

Certo esiste la bicicletta a pedalata assistita (o bici elettrica), ma possiamo dire che è infondo già un’altra cosa. La bici pura, la bici muscolare è fondamentalmente sempre la stessa.

Toyota, però, sembra non voler accettare questo semplice dato di fatto e ha inventato l’inimmaginabile. Pensate, una bici in carbonio per ciclisti ultra-esperti, con elmetto leggi pensiero. “Leggi pensiero”? Esattamente!

In pratica, l’elmetto leggendo le onde cerebrali del “fortunato” ciclista, cambia le marce automaticamente. Geniale e decisamente inutile. Ma le innovazioni passano spesso anche da realizzazioni in prima specie inutili e alla Toyota sono sicuri: la lettura del pensiero sarà una delle prossime frontiere della tecnologia.

Se avete i soldi (tanti) necessari per farvi un giro sulla Prius X Parlee bicycle fateci sapere come vi trovate.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Yerka, la bici che non si può rubare