Kunzite: benefici e proprietà in cristalloterapia

Kunzite: benefici e proprietà in cristalloterapia

La kunzite è una pietra dalla bellissima trasparenza, caratterizzata da colorazioni rosa o lilla: ecco i benefici e le proprietà nella cristalloterapia.

Dalla scoperta relativamente recente, la kunzite è una pietra che negli ultimi anni sta attirando sempre più le curiosità degli esperti e degli appassionati. Grazie alla sua trasparenza, alle colorazioni violacee e alla blanda fosforescenza di alcuni esemplari, queste gemme trovano sempre più applicazione nella produzione di monili e gioielli. Naturalmente, il minerale ha suscitato anche grande interesse all’interno della cristalloterapia, con l’attribuzione di diversi benefici e proprietà. Quali sono?

Prima di cominciare, è utile sottolineare come la cristalloterapia non sia riconosciuta dalla medicina, di conseguenza i rimedi proposti da questa disciplina non devono essere considerati sostitutivi di trattamenti ufficiali per la cura delle più svariate patologie.

Kunzite: scoperta e caratteristiche

Kunzite rosa
Fonte: Géry Parent via Wikimedia

Così come già accennato, la kunzite è una gemma dalla scoperta relativamente recente. Fu infatti trovata nel 1902 in California da Frederik Kunz, mineralogista e capo gioielliere di Tiffany. La pietra prende il nome proprio dal suo scopritore. Dal punto di vista mineralogico, la kunzite è una varietà rosa o violacea dello spodumene. Utilizzata inizialmente per la produzione di gioielli e preziosi, oggi il minerale è anche e soprattutto impiegato per l’estrazione del litio.

Dalla struttura solida e dura, queste gemme si caratterizzando per una gradevole trasparenza, tale da determinare degli unici giochi di luci e di ombre, sulle sfumature del rosa e del viola. Alcuni esemplari dimostrano anche una blanda fosforescenza, soprattutto se esposti al sole e poi in un ambiente debolmente illuminato. Le pietre sono note anche per il loro pleocroismo, ovvero la capacità di modificare sfumature e intensità di colore a seconda dell’angolazione con cui vengono osservate.

Dopo l’iniziale scoperta in California, dei giacimenti di kunzite sono stati rinvenuti anche in Pakistan, in Brasile, in Madagascar e in Afghanistan: in questo ultimo Paese si trovano le miniere più estese, poiché ricco di varietà molto preziose. Fra queste la kunzite Patroke, una gemma di brillante color lilla.

Kunzite: proprietà e benefici in cristalloterapia

Kunzite
Fonte: Géry Parent via Wikimedia

Nel corso degli ultimi decenni, alla kunzite sono stati attribuiti i più svariati benefici all’interno della cristalloterapia. Per la sua colorazione e la sua trasparenza, infatti, la gemma è considerata il simbolo del cuore e delle emozioni, nonché della capacità di gestirle in modo costruttivo e sano. Le sue proprietà sono energizzanti: la pietra permette infatti di mantenere a lungo focus e concentrazione, alla scopo di realizzare i propri obiettivi.

Indossata come pendente al collo, e quindi proprio in prossimità del cuore, la kunzite può agire sull’intero sistema nervoso, influenzando positivamente condizioni comuni come lo stress, le tensioni muscolari a livello di cervicale, nevralgie e molto altro ancora. A livello psicologico, invece, la gemma incentiva un pensiero riflessivo sulla propria esistenza, aiutando a mettere ordine fra le emozioni, nonché a equilibrare le proprie esigenze con le aspettative altrui.

Ancora, la kunzite è una pietra fortemente indicata per incentivare energie e determinazione, in vista del raggiungimento di un importante obiettivo. Può quindi risultare d’aiuto durante lo studio, per gestire un periodo di transizione lavorativa, per tendere a un miglioramento della propria condizione professionale. Poiché agisce in modo costruttivo, la gemma determina un buon equilibrio con il prossimo, garantendo il raggiungimento dei traguardi senza conflitti di percorso.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La Mobilità si fa in 4, l’iniziativa di Arval per le scuole