• GreenStyle
  • Salute
  • Kebab: Parlamento UE deciderà su possibili pericoli per la salute

Kebab: Parlamento UE deciderà su possibili pericoli per la salute

Kebab: Parlamento UE deciderà su possibili pericoli per la salute

Fonte immagine: angelorosa / Pixabay

Il kebab potrebbe essere pericoloso per la salute dell'uomo a causa dei fosfati contenuti nella carne: la parola adesso spetta al Parlamento Europeo.

Il kebab potrebbe essere considerato pericoloso per la salute. A deciderlo sarà il Parlamento Europeo a Strasburgo, che l’11 e il 14 dicembre voterà sul destino di questo tipico cibo di strada in Europa.

Alcuni esperti ritengono che questo piatto di carne tipico della cucina turca conterrebbe dei fosfati. Questi ultimi verrebbero usati per la conservazione della carne e sono ritenuti pericolosi perché apporterebbero problemi a livello cardiovascolare.

Il kebab fu inventato nel 1971 da un emigrato turco in Germania e poi si diffuse velocemente in tutta l’Europa. Già di recente la Commissione Salute del Parlamento Europeo ha respinto una proposta in base alla quale sarebbe stato autorizzato l’uso di acido fosforico, fosfati e polifosfati nella carne utilizzata per preparare questo cibo.

In Europa l’uso di fosfati come additivi è vietato, ma secondo le norme attuali ci sarebbero delle eccezioni che riguarderebbero ad esempio alcuni tipi di salsicce. Per quanto riguarda il kebab siamo di fronte a un vero e proprio vuoto normativo. In base a come deciderà il Parlamento Europeo, il kebab potrebbe diventare “illegale” in Europa.

Tutto ciò ha creato una certa preoccupazione in Germania, dove questo cibo di strada è particolarmente conosciuto. Ecco perché alcuni europarlamentari tedeschi si sono rivolti agli esponenti del Parlamento Europeo, facendo notare come la votazione potrebbe portare alla perdita di numerosi posti di lavoro.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Campus Peroni: intervista a Cristina Hanabergh