Jova Beach Tour 2019 al via domani all’insegna del riciclo

Jova Beach Tour 2019 al via domani all’insegna del riciclo

Fonte immagine: Jova Beach Tour

Consorzi per il riciclo di plastica, alluminio e acciaio insieme a Jovanotti per rendere sostenibili le tappe del Jova Beach Tour 2019.

Prima tappa domani a Lignano Sabbiadoro per il Jova Beach Tour 2019. Il mega evento porterà Jovanotti in giro per l’Italia, da Nord a Sud, lungo 17 tappe, l’ultima delle quali è prevista per il 31 agosto a Viareggio. Attesi nel corso dell’estate oltre 600mila spettatori. Un passaggio che punta al successo anche in termini di riduzione del proprio impatto ambientale, come si intuisce dal “mantra” degli organizzatori e dello stesso Jovanotti ovvero “Lasceremo il segno senza lasciare segni”.

Durante il Jova Beach Tour 2019 Jovanotti si sposterà con una sorta di città viaggiante, che punterà a coinvolgere i propri fan immergendoli in una realtà nuova e coinvolgente:

Più di uno stadio, più di un palasport, più di un festival, molto più di un concerto. JOVABEACHPARTY è una città temporanea, un villaggio sulla spiaggia, un nuovo format di concerto, un happening per il nuovo tempo. JOVABEACH è IN SPIAGGIA. C’è il mare, la musica, la gente, la vita.

Divertimento, ma anche responsabilità, espressa anche attraverso l’individuazione di 16 spiagge pubbliche e una località di montagna insieme ai consorzi COREPLA, RICREA e CIAL affinché fosse garantito il massimo del riciclo di imballaggi in acciaio, alluminio e plastica.

La Cooperatia Erica si occuperà di organizzare i servizi per la raccolta differenziata e l’avvio al riciclo degli imballaggi, distribuiti durante le 17 tappe da aziende sponsor solitamente impegnati nel veicoli ai propri clienti messaggi di sensibilizzazione verso la sostenibilità. La stessa cooperativa si occupa stabilmente della corretta gestione dei rifiuti durante i grandi eventi (come accaduto al recente Giro d’Italia).

COREPLA, RICREA e CIAL mostreranno ai partecipanti cosa si ottiene dal riciclo degli imballaggi in acciaio, alluminio e plastica. Gli stessi consorzi hanno dichiarato:

La partnership con Jova Beach Tour dimostra che divertirsi non vuol dire dimenticarsi dell’ambiente: se ciascuno fa la propria parte, anche i grandi eventi possono essere un volano per la diffusione di buone pratiche e un esempio di sostenibilità ambientale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci