Jane Goodall: Stop alla carne contro i cambiamenti climatici

Jane Goodall: Stop alla carne contro i cambiamenti climatici

Fonte immagine: Johanna Lohr via Wikimedia

Jane Goodall invita a ridurre o eliminare il consumo di carne: è una delle poche possibilità che l'uomo ha per poter invertire i cambiamenti climatici.

Jane Goodall non ha dubbi: per affrontare in modo più efficace i cambiamenti climatici è necessario rinunciare al consumo di carne. È questa la convinzione che l’acclamata primatologa, già nota per il suo instancabile lavoro per la protezione dell’ambiente, ha voluto condividere in occasione di un evento virtuale per il National Press Club.

L’esperta è sempre più convinta che, per invertire le infauste sorti del Pianeta, sia necessario innanzitutto modificare il rapporto dell’uomo con gli animali. Non solo in termini di maggiore rispetto e tutela delle specie a rischio, ma anche e soprattutto ripensando l’alimentazione in un’ottica maggiormente vegetariana e vegana.

Jane Goodall e il cibo animale

L’industria della carne rappresenta oggi una delle fonti più aggressive di emissione di gas nocivi in atmosfera. E non solo per l’elevata produzione di metano da parte dei sovrabbondanti esemplari d’allevamento, ma soprattutto per il suo impatto in termini di deforestazione. Molti polmoni verdi del mondo vengono rasi a suolo sia per fare spazio a nuovi allevamenti che per la coltivazione di mangimi e foraggio.

Se solo potessimo smettere di mangiare tutta questa carne, la differenza sarebbe enorme. Perché questi miliardi di animali d’allevamento, mantenuti in cambi di concentramento allo scopo di alimentarci, determinato la distruzione dell’ambiente naturale per far spazio a campi di mangimi. Enormi quantità di combustibili fossili vengono impiegate per trasportare questi mangimi agli animali, per trasportare gli animali stessi ai mattatoi, per portare la carne sulle nostre tavole. Enormi quantità di acqua – risorsa scarsa in molte aree – è usata a questo scopo. E, come se non bastasse, questi animali producono gas metano con la digestione: si tratta di un potente gas serra.

A 86 anni, Jane Goodall continua a lottare per l’ambiente. La primatologa spiega come, se proprio non si dovesse riuscire a sposare una dieta completamente vegetale, almeno si dovrebbe compiere lo sforzo di ridurre sensibilmente il consumo di ingredienti di origine animale. E rimarca: anche la pandemia da coronavirus in corso è l’espressione del nostro rapporto sbagliato con gli animali:

Abbiamo dei cervelli straordinari. Siamo capaci di amare e di avere compassione l’uno per gli altri. Mostriamo amore e compassione anche per gli animali, che condividono con noi questo Pianeta. Viviamo tutti insieme in pace e armonia.

Fonte: Vegan News

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Lorenzo Veg Lombardi