Invecchiamento, alimenti ultraprocessati lo accelerano

Invecchiamento, alimenti ultraprocessati lo accelerano

Fonte immagine: Istock

Un studio ha messo in luce un legame tra consumo elevato di alimenti ultraprocessati e accorciamento dei telomeri, che provocano l'invecchiamento.

L’invecchiamento precoce potrebbe essere connesso all’alimentazione: i prodotti ultraprocessati dal lungo elenco di ingredienti, attraenti e colorati, surgelati o no, dolci o salati e sempre più utilizzati da chi non ha voglia sono come veleno per la nostra giovinezza. A stabilirlo uno studio presentato al congresso europeo e internazionale dell’obesità (European and International  Congress on Obesity),  pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Attenzione perché chi consuma più di 3 porzioni al giorno di alimenti ultraprocessati, carichi di sale, grassi saturi, additivi, coloranti, conservanti eccetera, ha una probabilità doppia di avere telomeri più corti e questo naturalmente ha un peso sull’invecchiamento. Si tratta di strutture specializzate che si trovano all’estremità dei cromosomi e che rappresentano una protezione per il cromosoma stesso. Con l’invecchiamento la lunghezza dei telomeri si riduce.

Un gruppo di ricercatori spagnoli (dell’Università di Navarra, Pamplona e Madrid) hanno analizzato i dati di 645 uomini e 241 donne – età media 67,7 anni – per capire, in base al consumo di alimenti ultraprocessati lo stato di avanzamento del loro invecchiamento. I risultati hanno evidenziato che una pessima alimentazione influenza anche lo stato della nostra giovinezza.

L’assunzione di Upf si associava anche a una maggiore probabilità di depressione, specialmente nei pazienti con bassi livelli di attività fisica, di ipertensione, di sovrappeso e di mortalità.

Gli autori sulla ricerca hanno detto:

“Con questo studio trasversale condotto su anziani spagnoli abbiamo mostrato che c’è un’associazione forte tra il consumo di cibo ultra-elaborato e lunghezza dei telomeri

 

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cibi che migliorano l’umore: 5 consigli