Invasione di cavallette in Sardegna, Coldiretti lancia l’allarme

Invasione di cavallette in Sardegna, Coldiretti lancia l’allarme

Fonte immagine: Pixabay

Un invasione di cavallette sta distruggendo i campi coltivati della Sardegna: è l'allarme lanciato da Coldiretti.

Dopo il coronavirus e il recente sisma in Centro Italia, lo Stivale si trova ad affrontare una nuova emergenza: quella dell’invasione di cavallette in Sardegna. È l’allarme lanciato da Coldiretti, associazione pronta a confermare come nella provincia di Nuoro siano giunti milioni di insetti, con gravi conseguenze sugli estesi campi coltivati del luogo. “Una vera e propria emergenza per le imprese agricole”, specifica Coldiretti, che potrebbe mettere ulteriormente in ginocchio l’economia della Regione già messa a dura prova dalla pandemia.

Le cavallette starebbero velocemente distruggendo le coltivazioni di foraggio, grano ed erba medica, con particolare insistenza nella Valle del Tirso. E, sebbene non sia la prima volta che queste locuste giungano in queste zone, quest’anno la presenza appare decisamente più intensa. Secondo Coldiretti, la ragione principale della loro moltiplicazione potrebbe essere connessa all’ultimo e mite inverno, nonché l’assenza prolungata di piogge intense. D’altronde il 2020 pare sia già sulla buona strada per divenire l’anno più caldo degli ultimi 200 anni, un fenomeno che ha come prima conseguenza la moltiplicazione rapida proprio degli insetti.

Una vera e propria emergenza che si abbatte sulle imprese agricole colpite anche dalla crisi economica generata dal coronavirus, con 6 aziende su 10 (58%) che hanno registrato una diminuzione dell’attività.

Così come specifica l’associazione nella nota riportata da Sky, le cavallette sono particolarmente dannose poiché capaci di nutrirsi da una moltitudine di piante diverse, si tratti di varietà spontanee che da coltivazione. La loro voracità porta alla rapida perdita delle foglie di interi arbusti, lasciando i rami completamente spogli e causano danni a lungo termine agli stessi vegetali. Per questa ragione è molto importante intervenire sin da subito per arginare il fenomeno, soprattutto favorendo sul territorio degli animali predatori, quali gli uccelli.

Si ricorda come anche il continente africano sia ormai da mesi messo in ginocchio da una violenta invasione di locuste, insetti che da inizio 2020 hanno invaso numerosi Paesi, come Somalia e Kenya.

Fonte: Sky

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Mamma gorilla coccola il suo cucciolo!