Insonnia: alcol e fumo o svapo dannosi, meglio bere caffè

Insonnia: alcol e fumo o svapo dannosi, meglio bere caffè

Alcolici e nicotina da sigarette ed e-cig più dannosi per il sonno rispetto al caffè, a sostenerlo un nuovo studio internazionale.

Bere alcolici, fumare e svapare aumentano i disturbi del sonno più del caffè. Nonostante quanto si è creduto finora il consumo di alcol e il fumo (svapo incluso) provocherebbero insonnia e interruzioni del riposo molto più frequentemente rispetto al consumo di una “tazzina”. A stabilirlo alcuni ricercatori provenienti dalle università Florida Atlantic, Harvard, Emory e dal Mississippi Medical Center. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Sleep.

Secondo gli studiosi l’insonnia e più in generale un sonno irregolare e disturbato risulterebbero favoriti da fattori quali il consumo, entro 4 ore da quando ci si addormenta, di alcol o nicotina. Quest’ultima è la ragione per cui nel mirino dei ricercatori sono finite anche le sigarette elettroniche, che se utilizzate con ricariche contenenti la sostanza si rivelerebbero nemiche del dormire bene.

Durante lo studio sono stati analizzati per 14 anni i profili clinici di 785 afroamericani, scelti in quanto all’interno di tale comunità viene registrata un’incidenza sproporzionata di insonnia, apnea notturna e più in generale di disturbi del sonno rispetto ad altri individui. I soggetti scelti non presentavano al momento dello studio alcuna patologia del sonno diagnosticata.

Ciascun soggetto è stato dotato di un sensore da polso per il monitoraggio del sonno, mentre ha dovuto fornire informazioni regolari su cosa mangiasse, bevesse o se eventualmente fumasse o svapasse prima di addormentarsi. Stando alle conclusioni tratte dai ricercatori bere alcolici è tra gli elementi che disturbano più il sonno, superato però dal consumo di nicotina (sia da normali sigarette che da e-cig). La caffeina contenuta nel caffè avrebbe al contrario un impatto davvero ridotto sulla qualità del riposo.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli