Inquinamento dell’aria: ecco come monitorarlo con Flow 2

Inquinamento dell’aria: ecco come monitorarlo con Flow 2

Flow 2 è un rilevatore della qualità dell'aria che consente di individuare polveri sottili e altri inquinanti in tempo reale.

Polveri sottili, ossidi di azoto, composti organici volatili fanno parte ormai dell’aria che respiriamo tutti i giorni. Non solo nel traffico delle città in cui viviamo ma anche nelle nostre case. I colpevoli di questa situazione? Siamo proprio noi, con i nostri stili di vita insostenibili: viaggiamo ancora con mezzi che sfruttano carburanti fossili e utilizziamo fonti di riscaldamento domestico altamente inquinanti.

Tutto questo ha conseguenze tangibili sulla qualità dell’aria che tuttavia non riusciamo a capire fino in fondo. Si sente spesso parlare di sforamenti dei livelli di polveri sottili nelle nostre città, ma non si capisce quanto la cosa ci riguardi da vicino, forse perché non abbiamo un accesso in tempo reale alla qualità dell’aria che inaliamo nei nostri polmoni.

Questa situazione è destinata a cambiare grazie a un nuovo strumento: Flow 2. Realizzato dalla società francese Plume Labs, questo dispositivo è un piccolo rilevatore in tempo reale della qualità dell’aria che può essere portato sempre con noi. Una sorta di bussola che fotografa l’aria intorno a noi grazie a dei sensori e può orientare le nostre decisioni: possiamo ad esempio cambiare il percorso casa-lavoro sulla base delle rilevazioni fatte con Flow 2, scegliendo strade in cui la qualità dell’aria sia migliore per i nostri polmoni. Oppure, ancora meglio, scegliendo mezzi di trasporto a basso impatto sull’aria che respiriamo.

Flow 2 infatti ci restituisce un Air Quality Index in tempo reale che è composto da alcuni indicatori degli inquinanti rilevati nell’aria: PM1, PM2.5, PM10, NO2 e VOC.

L’Air Quality Index pensato da Plume per il proprio Flow 2 è basato sulle indicazioni della World Health Organization (WHO, Organizzazione Mondiale della Sanità) e dell’EPA statunitense e definisce diversi livelli di inquinamento dell’aria. Ecco come sono sintetizzati nella knowledge base di Flow 2:

  • 0-20 Inquinamento basso.
  • 21-50 Inquinamento moderato: l’aria è considerata accettabile sebbene oltre la soglia raccomandata dalla WHO.
  • 51-100 Inquinamento elevato: l’esposizione prolungata a questo livello di inquinamento causa problemi di salute.
  • 101+ Inquinamento molto elevato: questo livello causa seri effetti sulla salute, anche dopo poche ore di esposizione.

Abbiamo provato Flow 2 per alcuni giorni e il dispositivo è davvero facile da usare, basta installare un’app sul proprio smartphone Android o iOS e collegare il proprio telefono a Flow 2, avendo cura di abilitare sia il Bluetooth che il GPS. Soltanto il primo avvio di Flow 2 richiede alcuni minuti, utili al dispositivo per inizializzare i sensori di rilevazione dell’aria di cui è equipaggiato. Dopo il primo avvio Flow 2 inizia a rilevare costantemente la qualità dell’aria, monitorando i livelli di polveri sottili e inquinanti presenti. I dati raccolti da Flow 2 vengono inviati in tempo reale all’app sul nostro telefono e possono essere analizzati in qualsiasi momento e con una precisione al metro percorso, grazie all’utilizzo del GPS.

flow 2

Quello che ci restituisce Flow 2 è il percorso che abbiamo compiuto a piedi, in bici o in macchina, contrassegnato da colori differenti in base alla qualità dell’aria (verde, giallo, rosso, viola) che mostrano il livello di inquinamento atmosferico che abbiamo “attraversato” e respirato. I dati relativi al tragitto casa-lavoro percorso in scooter per una settimana, andando dal quartiere Montesacro di Roma verso Garbatella (e viceversa), sono sorprendenti perché il livello di inquinamento dell’aria di Roma è altissimo come si può vedere anche nella foto di seguito (relativa ad una delle giornate di utilizzo):

mappa qualità aria

Inoltre Flow 2 consente anche di esportare tutti i dati registrati via mail, in un formato scaricabile e analizzabile successivamente anche con altri strumenti che possano consentirci una valutazione completa della qualità dell’aria respirata.

A Roma e in altre città di Italia esistono già dei sistemi di monitoraggio dell’Air Quality Index, per esempio per il monitoraggio della Capitale esiste Rome Air Pollution: Real-time Air Quality Index (AQI) (che usa i dati forniti dall’ARPA del Lazio), tuttavia questi servizi non ci danno una visione così precisa e puntuale come quella che si riceve con Flow 2 dei percorsi che ciascuno di noi utilizza nella vita di tutti i giorni.

Flow 2 è un gadget veramente utile ed è, potenzialmente, in grado di orientare le nostre scelte di mobilità urbana (e non solo) in modo concreto. Un dispositivo che speriamo possa diffondersi velocemente (nonostante il prezzo di 150€ a cui viene venduto non sia proprio economico) per dare una spinta in più affinché nelle nostre città possa migliorare la qualità dell’aria grazie alle azioni individuali di ciascuno di noi.

Fonte: Plume Labs

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 cibi benefici per la pelle