• GreenStyle
  • Consumi
  • Inquinamento da plastica, WWF: dal G20 nessuna azione per fermarlo

Inquinamento da plastica, WWF: dal G20 nessuna azione per fermarlo

Inquinamento da plastica, WWF: dal G20 nessuna azione per fermarlo

Fonte immagine: Pexels

G20 non attivo a sufficienza per fissare i paletti che definiscano la lotta all'inquinamento da plastica: la denuncia del WWF.

L’inquinamento da plastica deve essere fermato in fretta. Torna a ribadirlo il WWF in occasione dei lavori del G20, in corso a Osaka. Tuttavia proprio i leader mondiali riuniti in Giappone non avrebbero finora avanzato alcuna proposta concreta per arginare il fenomeno, che di giorno in giorno si afferma agli occhi dell’opinione pubblica in tutta la sua gravità.

Pur apprezzando il fatto che la lotta all’inquinamento da plastica sia tra i primi punti per quanto riguarda l’agenda internazionale, il WWF ritiene che i leader riuniti a Osaka per il G20 dovrebbero osare di più e fissare le tappe di un percorso di contrasto al problema:

Il G20 non ha fissato obiettivi concreti né stabilite misure vincolanti che rendano tutti i Paesi responsabili. È sempre più chiaro che per risolvere questa crisi crescente è necessario un forte trattato giuridico internazionale simile a quello che ha permesso di combattere la formazione del buco dell’ozono, il Protocollo di Montreal.

Lo stesso WWF circa una settimana fa ha presentato un nuovo studio nel quale si riferisce la quantità media di plastica che gli essere umani finiscono con l’ingerire a tavola: circa 5 grammi a settimana, equivalenti secondo l’associazione a una carta di credito. Una crisi globale secondo gli ambientalisti del Panda, secondo i quali ci si trova di fronte a un problema che deve essere affrontato in tutta la sua complessità.

Necessari, conclude il WWF, interventi lungo tutto il “ciclo di vita dell’uso della plastica”. Soltanto un approccio a tutto tondo potrà permettere di evitare che i rifiuti plastici finiscano in natura e che attraverso gli alimenti proseguano il loro cammino all’interno del corpo umano.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci