• GreenStyle
  • Salute
  • Influenza 2020: superati i 4 milioni di malati, picco a febbraio

Influenza 2020: superati i 4 milioni di malati, picco a febbraio

Influenza 2020: superati i 4 milioni di malati, picco a febbraio

Superati i 4 milioni di contagi in Italia per l'influenza 2020, picco ormai molto vicino secondo gli esperti.

Superato in Italia il numero di 4 milioni di malati per l’influenza 2020. Una quota importante, raggiunta in virtù dei circa 795mila nuovi casi registrati durante la settimana tra il 27 gennaio e il 2 febbraio (dati Osservatorio Influnet). Il picco stagionale sembrerebbe essere, dopo vari rinvii, ormai alle porte. Ritoccata anche la stima stagionale, con i contagiati che al termine della stagione influenzale potrebbero toccare gli 8 milioni di italiani colpiti.

L’influenza 2020 stenta ancora a entrare nella fase di picco, precisa l’Istituto Superiore di Sanità, in ragione di un’incidenza in Italia considerata ancora di “intensità media” (13,2 casi per mille assistiti). Differente il discorso analizzando nello specifico alcune fasce d’età: dagli 0 ai 5 anni si parla di 39,8 casi/mille assistiti, mentre tra i 5 e i 14 si passa 28,17.

L’incidenza più bassa è stata registrata dai 65 anni in su, con appena 3,86 casi per mille assistiti. Più o meno nella media la fascia 15-64, con 10,23 casi/1000 assistiti. Il totale dei contagiati ha raggiunto quota 4.266.000. Le Regioni più colpite dall’influenza 2020 risultano ad oggi l’Abruzzo, la Basilicata, il Lazio, la Lombardia, le Marche, il Molise, l’Umbria e la Valle d’Aosta.

Secondo quanto affermato dal virologo Fabrizio Pregliasco, Università degli Studi di Milano, il picco non è ancora stato raggiunto e ciò comporterà ulteriori incrementi (stimolati anche dall’ondata di freddo che sta colpendo l’Italia) nel numero dei contagi. Attesa un’impennata nel numero dei malati soprattutto tra i bambini.

Fonte: Adnkronos

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: nona lezione