• GreenStyle
  • Salute
  • Influenza 2020, ISS: no agli antibiotici, sì ai rimedi naturali

Influenza 2020, ISS: no agli antibiotici, sì ai rimedi naturali

Influenza 2020, ISS: no agli antibiotici, sì ai rimedi naturali

Fonte immagine: iStock

Stagione dell'influenza entra nel vivo, ISS sfata alcuni falsi miti e si dichiara favorevole ai rimedi naturali: vediamo quali sono.

La stagione dell’influenza 2020 sta per entrare nel vivo. L’ISS ha deciso di intervenire commentando alcuni “falsi miti” ed errori comuni che riguardano questa malattia, aggiungendo alcuni consigli utili per minimizzare il problema e affrontarlo al meglio. Incluso anche un passaggio relativo all’opportunità di ricorrere ai rimedi naturali.

Si parte innanzitutto dall’incidenza attuale, con l’Istituto Superiore di Sanità che riporta un tasso pari a 2,58 contagiati ogni mille assistiti (periodo 16-22 novembre).

Dati sui contagi da influenza che potrebbero risultare però parziali, ha spiegato l’ISS. Questo a causa della pandemia di Coronavirus, che sta ostacolando la diffusione dei dati raccolti:

Causa emergenza Covid-19, alcune Regioni sono in una fase organizzativa e non tutti i medici partecipanti alla sorveglianza InfluNet hanno reso disponibili i dati da loro raccolti.

Influenza 2020, ISS: no agli antibiotici, sì ai rimedi naturali

Influenza Coronavirus raffreddore
Fonte: iStock

Influenza: falsi miti e consigli utili

(Torna al menu)

Il primo falso mito da sfatare è quello del ricorso agli antibiotici. L’ISS è tornata sul tema per rimarcare l’inutilità di assumere questo tipo di farmaci contro l’influenza:

Funzionano soltanto contro le infezioni di origine batterica, sono totalmente inefficaci nei confronti di una malattia di tipo virale come l’influenza.

Falso mito anche la possibilità che il vaccino antinfluenzale possa far ammalare le persone dell’influenza stessa. Ha spiegato l’ISS:

Contiene il virus inattivo che non può causare la malattia, ma non copre l’organismo da tutti i virus parainfluenzali.

Sul fronte dei rimedi naturali l’Istituto Superiore di Sanità è stato chiaro, i benefici ci sono. Occorre soltanto prestare attenzione agli eventuali effetti collaterali:

L’assunzione di vitamina C è un buon supporto per le difese immunitarie, ma senza esagerare perché può provocare acidità gastrointestinale.

Tisana tè miele limone cannella
Fonte: iStock

Rimedi naturali

(Torna al menu)

Le dichiarazioni dell’ISS ci offrono lo spunto per affrontare quello che è il discorso legato ai rimedi naturali contro l’influenza. L’associazione tra l’arancia è la vitamina C è proverbiale, ma in realtà non risulta essere necessariamente la più efficace.

Chi vuole fare il pieno di vitamina C deve tenere in considerazione ad esempio che il succo d’uva al naturale contiene molta più sostanza vitaminica rispetto alle arance. Si parla di 340 mg per 100 grammi di parte edibile per il primo e di appena 50 mg per le seconde. Ad esempio è maggiore l’apporto anche di peperoni gialli o rossi (166 mg), cime di rapa (110 mg), kiwi (85 mg), cavoli (81 mg), spinaci e clementine (54 mg).

Utile anche il ricorso al miele, che permette di attenuare i disturbi legati alle alte vie respiratorie come mal di gola, raffreddore e tosse. Sì anche a infusi e tisane a base di eucalipto e rosmarino, dalle proprietà balsamiche. Altri validi rimedi naturali sono lo zenzero e il limone.

L’infuso di sambuco e l’artiglio del diavolo sono due rimedi naturali indicati in caso di dolori articolari, sintomi che possono accompagnare la comparsa dell’influenza. Attenzione infine al mantenimento, tutti i giorni, di una corretta idratazione e all’assunzione di almeno cinque porzioni di frutta e verdura di stagione.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle