Influenza 2020: 638mila casi in una settimana, picco vicino

Influenza 2020: 638mila casi in una settimana, picco vicino

Triplicati i casi di influenza nell'ultima settimana rispetto alla precedente, a fornire i dati il sistema di sorveglianza Influnet.

Un vero e proprio boom di contagi sul fronte influenza. Secondo l’Osservatorio Influnet sono stati 638mila i nuovi casi soltanto nell’ultima settimana, quella compresa tra il 20 e il 26 gennaio. Malgrado i numeri record gli esperti avvertono però che il picco influenzale non sarebbe stato ancora raggiunto, ma sarebbe previsto verosimilmente durante il mese di febbraio.

Gli ultimi contagi portano a circa 3.451.000 i casi di influenza dall’inizio della stagione influenzale, stimato a ottobre 2019. A fornire i dati il servizio di sorveglianza sentinella InfluNet, coordinato dal Ministero della Salute in collaborazione con ISS (Istituto Superiore di Sanità), CIRI (Centro Interuniversitario per la Ricerca sull’Influenza), Assessorati Regionali alla Sanità, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, laboratori universitari di riferimento.

Come ricordato nelle settimane precedenti è consigliato tenere alte le difese immunitarie evitando fattori di rischio come l’eccessivo uso di alcolici, lo stress e l’esposizione a shock termici.

Per la prevenzione del contagio influenza si raccomanda di lavare spesso le mani per evitare di portare il virus a contatto con le vie aeree o le parti umide, come gli occhi. Tra i consigli alimentari una corretta idratazione e un ampio ricorso a frutta e verdura di stagione (specialmente quelle ricche di vitamina C).

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Spreco di cibo: i numeri in Italia (video)