Influenza 2018: sintomi e contagio

Influenza 2018: sintomi e contagio

L'influenza colpisce ogni anno milioni di italiani, ecco quali sono i sintomi principali e le modalità di contagio.

L’influenza è tra i malanni invernali più temuto e diffuso. Nei momenti di picco gli italiani che si trovano costretti a letto sono molti, per un totale stagionale che ammonta in media tra i 5 e i 7 milioni di ammalati. Ecco perché è importante saperne riconoscere i sintomi e le modalità attraverso le quali si diffonde il contagio.

Durante il periodo invernale l’influenza sfrutta fattori come il freddo, i luoghi affollati, l’aria viziata dovuta alla minore apertura delle finestre e l’esposizione a continui sbalzi termici causata dall’entrare e uscire da negozi o uffici. Il perché è presto spiegato dal meccanismo di contagio, che vede in luoghi come bagni e trasporti pubblici un ambiente ideale per la diffusione del virus influenzale.

Sintomi e contagio dell’influenza

Il contagio dell’influenza avviene in via primaria entrando in contatto con la saliva del soggetto infetto, frequentemente attraverso i liquidi contenuti negli starnuti e nei colpi di tosse dei soggetti già infettati. Le vie attraverso le quali il virus dell’influenza arriva a infettare l’organismo sono sostanzialmente quelle respiratorie, quindi bocca e naso. È tuttavia possibile che anche le mucose oculari possano rappresentare una porta d’ingresso per l’infezione, in quanto permettono le penetrazione degli agenti virali all’interno dei tessuti.

Un altro grande rischio per il contagio dell’influenza è il contatto tra mani e occhi, proprio in virtù di questa permeabilità. Può capitare, frequentando luoghi pubblici o convivendo con un soggetto ammalato, di toccare superfici “infette”: portando le dita a contatto con le mucose oculari (come anche con bocca e mucose nasali) si completerà il percorso del virus verso il nuovo potenziale ospite. Proprio per questo è importante lavarsi sempre le mani dopo aver frequentato luoghi pubblici o “a rischio”, considerato che sulle superfici dure l’agente virale resta attivo e pericoloso anche per 8-12 ore.

La trasmissione del virus dell’influenza può avvenire a partire dal momento stesso del contagio fino ai tre o quattro giorni che seguono la manifestazione dei primi sintomi, che compaiono solitamente da uno a quattro giorni dopo l’infezione. In alcuni casi si assiste a una sintomatologia subito evidente, mentre in altri casi la manifestazione avviene in maniera più graduale.

I sintomi tipici dell’influenza sono febbre, tosse, mal di gola, mal di testa, raffreddore, dolori muscolari e naso chiuso. Possono manifestarsi in diversi casi anche brividi, spossatezza e calo dell’appetito. Meno frequenti tra gli adulti sono vomito e diarrea, mentre tendono a compari più spesso nella sintomatologia influenzale nel caso dei bambini.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera