Influenza 2018: picco atteso tra Natale e l’Epifania

Influenza 2018: picco atteso tra Natale e l’Epifania

Picco dell'influenza 2018 atteso tra Natale e l'Epifania, le nuove stime fornite dall'Istituto Superiore di Sanità.

Continua a incrementare il numero di casi di influenza in Italia. Secondo i dati contenuti nell’ultimo rapporto fornito dall’ISS (Istituto Superiore di Sanità) nella settimana tra il 26 novembre e il 2 dicembre 2018 sono stati 152 mila i nuovi casi registrati, che portano a 647 mila il numero totale degli italiani costretti a letto dall’inizio del periodo di monitoraggio.

Nuove stime arrivano inoltre riguardo l’arrivo del picco dell’influenza 2018. Secondo gli esperti dell’ISS la progressione del numero di nuovi contagi porterebbe a collocare il punto di massima diffusione del virus proprio nei giorni che vanno da Natale all’Epifania, quindi nel vivo delle vacanze natalizie. Come confermato da Gianni Rezza, epidemiologo dell’Istituto Superiore di Sanità:

Finora l’andamento dell’influenza è paragonabile a quello della passata stagione. Se dovesse rimanere così, è probabile che il picco arrivi tra dicembre e gennaio.

In base alle ultime indicazioni l’influenza 2018 ha toccato un’incidenza pari a 2,52 casi ogni 1000 cittadini, appena sotto il livello che segna l’ingresso nel “periodo epidemico” (2,74 casi ogni 1000 assistiti). La quota media di 2,52 è stata in realtà già superare in 9 Regioni italiane: Abruzzo, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Toscana, Trentino-Alto Adige (limitatamente però alla Provincia autonoma di Trento) e Umbria.

Finora i più colpiti dall’influenza 2018 sono stati i bambini di età compresa tra 0 e 4 anni (6,55 casi/1000 assistiti), seguiti da quelli tra i 5 e i 14 anni (2,57) e la fascia d’età 15-64 (2,59). Ancora poco diffuso il virus influenzale tra gli anziani, con un tasso di incidenza tra gli over 65 pari a 1,27 casi ogni 1000 individui.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social