Infertilità maschile: colpa degli inquinanti nel piatto

Infertilità maschile: colpa degli inquinanti nel piatto

Gli inquinanti ingeriti a tavola riducono la fertilità maschile secondo gli andrologi SIA, nel mirino soprattutto pesticidi e microplastiche.

Pesticidi, microplastiche e altri inquinanti presenti negli alimenti possono essere causa di infertilità maschile. Questa l’allerta lanciata dagli andrologi in occasione di “Natura Ambienta Alimentazione Uomo”, il congresso nazionale della SIA (Società Italiana Andrologia), durante il quale è stato fatto il punto anche sulla possibile presenza di fatati nei cibi ingeriti.

Secondo gli andrologi nel piatto finirebbero ogni anno circa 250 grammi di inquinanti, perlopiù pesticidi e microplastiche, ma anche residui di ftalati (utilizzati per ammorbidire la plastica). L’effetto sulla fertilità maschile va dalla riduzione della conta spermatica fino alla minore motilità degli spermatozoi e della loro ridotta capacità di fecondazione. Gli agenti chimici agirebbero da interferenti endocrini, sostiene secondo Alessandro Palmieri (presidente SIA), alterando i normali equilibri ormonali.

Pericoli di pari gravità che arriverebbero dai pesticidi, sottolinea Bruno Giammusso (responsabile Programmi Fertilità SIA). Un esempio è rappresentato dagli alchilfenoli, in grado di confondere il metabolismo grazie alla loro somiglianza agli ormoni sessuali, presenti in molti alimenti tra cui pesce, molluschi, ma anche frutta e verdura. Senza contare, conclude Giammusso, i rischi legati all’assunzione costante di microplastiche.

Al fine di preservare una buona funzione sessuale e la propria fertilità gli uomini devono compiere, spiega Palmieri, “scelte alimentari sempre più consapevoli, cercando per esempio di dare la preferenza a cibi biologici e che non siano imballati in plastiche”. Occorre inoltre fare attenzione ai pericoli provenienti dal cibo anche in un’eventuale ottica generale, con la possibile somma degli effetti prodotti dagli inquinanti contenuti negli alimenti e da fonti ambientali.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Raccolta beach litter: intervista con Laura Brambilla – Legambiente