• GreenStyle
  • Salute
  • Infarto: smog, poche ore di esposizione aumentano il rischio

Infarto: smog, poche ore di esposizione aumentano il rischio

Infarto: smog, poche ore di esposizione aumentano il rischio

Fonte immagine: Foto di Fuzz da Pixabay

Inquinamento atmosferico e smog possono aumentare il rischio infarto anche in poche ore, a sostenerlo uno studio della Yale University.

Anche un’esposizione di poche ore all’inquinamento atmosferico può incrementare il rischio di infarto. A sostenerlo uno studio della Yale University, pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, secondo il quale gli alti livelli di particolato presenti nello smog possono aumentare il pericolo almeno del 10%.

Lo studio è stato condotto tra il 2005 e il 2015 su circa 6000 pazienti, registrati come “infarto non letale” nella città tedesca di Augsburg. In base ai dati raccolti i ricercatori hanno indicato come maggiormente responsabile il particolato ultrafine proveniente dai gas di scarico delle auto. Le dimensioni delle particelle consentono a quest’ultime di penetrare in profondità all’interno delle vie respiratorie e di minacciare potenzialmente anche il flusso sanguigno.

Secondo gli studiosi il rischio di infarto indotto dall’inquinamento atmosferico non è il solo a carico dell’organismo, ma anche i polmoni stessi risulterebbero esposti al pericolo di asma e bronchiti. Ha dichiarato il Dott. Kai Chen, assistente professore presso la Yale School of Public Health e autore principale dello studio:

Lo studio conferma qualcosa che è stato a lungo sospettato – l’inquinamento atmosferico da particolato fine può giocare un ruolo importante nelle malattie cardiache. Questo è particolarmente vero durante le primissime ore di esposizione. Elevati livelli di particolato ultrafine rappresentano una fonte di seria preoccupazione per la salute pubblica.

Fonte: Environmental Health Perspectives

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cibi che rafforzano il sistema immunitario