India, fuga di gas in una fabbrica: 10 morti, 1000 ricoverati

India, fuga di gas in una fabbrica: 10 morti, 1000 ricoverati

Fonte immagine: Istock

Le esalazioni hanno fatto star male 5 mila persone, molti si sono accasciati in strada: il bilancio già drammatico potrebbe aggravarsi ancora.

Una nuvola mortale si è alzata su Visakhapatnam, nell’Andhra Paradesh: in India una perdita di gas in una fabbrica chimica sta costando la vita a moltissime persone. L’impianto LG Polymers produce prodotti in polistirene che vengono utilizzati nella produzione di pale, ventagli e posate e recipienti elettrici per prodotti cosmetici. La materia prima, lo stirene, è altamente infiammabile e rilascia un gas velenoso quando viene bruciato.

Il bilancio al momento conta più di 1000 ricoverati ma si aggraverebbe ogni ora. Almeno 10 persone hanno già perso la vita tra loro una bimba di 8 anni e due anziani. Oltre 5.000 le persone che hanno accusato subito malori. Le informazioni sarebbero ancora frammentarie ma le autorità sarebbero molto preoccupate per l’andamento dei malori.

Le immagini diffuse online mostrano numerose persone riverse a terra per strada dopo aver accusato mal di testa, vomito e problemi respiratori. Cinque villaggi sarebbero stati evacuati ma troppo tardi. L’India fu teatro nel dicembre 1984 di uno dei peggiori incidenti industriali della storia, quando 40 tonnellate di gas fuoriuscirono da una fabbrica di pesticidi nella città di Bhopal (nel centro del Paese). Circa 3.500 persone morirono in pochi giorni e altre migliaia negli anni seguenti.  La paura è che questa  tragedia possa ripetersi. In una nota le autorità fanno sapere:

<blockquote>La situazione causata da questa perdita di gas è ora sotto controllo e stiamo studiando tutti i mezzi per fornire rapidamente assistenza a coloro che soffrono dopo aver inalato il gas”, ha affermato Lg Chem, società madre sudcoreana di Lg Polymers India. “Stiamo indagando per scoprire l’entità del danno e la causa esatta della perdita e dei decessi”, si legge in una nota.<blockquote>

 

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: nona lezione