• GreenStyle
  • Energia
  • Incentivi per le rinnovabili in arrivo con il Fondo Rotativo Kyoto

Incentivi per le rinnovabili in arrivo con il Fondo Rotativo Kyoto

Incentivi per le rinnovabili in arrivo con il Fondo Rotativo Kyoto

Con un ritardo di anni, sembra che la prossima settimana sarà diramata la circolare attuativa del Fondo rotativo Kyoto. 200 milioni di euro per le rinnovabili

Con la fine dell’ipotesi del nucleare italiano segnata dal referendum del 12 e 13 giugno, le fonti rinnovabili e la ricerca nel settore tornano alla ribalta come unica opzione seria per il rilancio energetico del nostro Paese. Tra i vari ritardi accumulati negli anni in questo campo, l’Italia ne “vanta” uno davvero increscioso: la mancata attivazione del Fondo rotativo Kyoto.

Si tratta, perdonate il burocratese, di un fondo di finanziamenti pubblici attuato dal Dm Ambiente 25 novembre 2008 e dal Dm Economia 17 novembre 2009, ma mai attivato non essendo stata mai diramata la circolare attuativa. In altre parole, ci sono dei soldi stanziati per finanziare ricerca e innovazione sul fronte energie pulite, ma nessuno si è mai premurato di rendere tutto ciò operativo. La buona notizia del giorno, però, l’ha data stamani il direttore generale del ministero dell’Ambiente, Corrado Cini:

Chiuderemo l’accordo con Cdp e spero di firmare la circolare la prossima settimana in modo che entri in vigore per la fine di luglio. È uno strumento molto interessante che permette di associare al meccanismo di incentivazione il supporto agli investimenti per i prodotti nuovi”.

Si tratta di 200 milioni di euro, complessivamente 600mln di euro, da erogare in prestiti triennali: un’opportunità ghiotta per aziende, enti locali e privati cittadini. Nello specifico, i sette campi per cui saranno disponibili i fondi sono:

  • Microcogenerazione diffusa;
  • Rinnovabili;
  • Motori elettrici;
  • Usi finali;
  • Protossido di azoto;
  • Ricerca;
  • Gestione forestale sostenibile.

Speriamo che i buoni propositi del ministero si concretizzino presto; il nostro Paese ha bisogno di investire, e tanto, nel settore rinnovabili. E dopo i tagli del Quarto Conto Energia, serviranno nuove forme di finanziamento.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

VII Forum Qualenergia: intervista a Pietro Colucci di Innovatec e Kinexia