Incentivi per le biomasse in arrivo per le regioni del Sud

Incentivi per le biomasse in arrivo per le regioni del Sud

Il ministero dello Sviluppo ha emanato un bando per il finanziamento di progetti nel settore delle biomasse in Campania, Sicilia, Puglia e Calabria

In arrivo, dal ministero dello Sviluppo Economico, incentivi per gli impianti a biomasse in Campania, Sicilia, Puglia e Calabria. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un bando che offre agevolazioni per progetti di attivazione, rafforzamento e sostegno della filiere delle biomasse.

Il fondo ammonta in totale a 100 milioni di euro, finanziati con la Linea di attività 1.1 del POI Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013: “Interventi di attivazione di filiere produttive che integrino obiettivi energetici e obiettivi di salvaguardia dell’ambiente e dello sviluppo del territorio”.

Il bando prevede due tipi di opportunità: finanziamento agevolato e contributo in conto impianti. Per quanto riguarda i finanziamenti agevolati, sarà istituito presso Invitalia, il soggetto gestore del bando, un Fondo rotativo di massimo 70 milioni di euro. Il 60% dello stanziamento complessivo sarà riservato ai progetti di micro-imprese e piccole e medie imprese.

I progetti finanziabili sono: impianti di cogenerazione e rigenerazione alimentati da biomasse legnose (cippato, pellet, legna), biocombustibili liquidi (olio vegetale), biogas o dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani (provenienti da raccolta differenziata); impianti di produzione di energia termica associati a una rete di teleriscaldamento/teleraffrescamento, alimentati da biomasse legnose (cippato, pellet, legna), biocombustibili liquidi (olio vegetale) o biogas; impianti di produzione di biocarburanti (biodiesel e bioetanolo) di prima e seconda generazione; impianti di produzione di biometano.

Le domande dovranno essere trasmesse sia online sul sito www.sviluppoeconomico.gov che in forma cartacea tra il 18 marzo e il 17 aprile 2012. Possono essere presentati progetti con importo complessivo delle spese ammissibili compreso tra 2 e 25 milioni di euro.

Seguici anche sui canali social