Incentivi idroelettrico per i mini impianti del Centro Sud

Incentivi idroelettrico per i mini impianti del Centro Sud

Il bando dell’ex Agensud destinerà 20 milioni di euro agli impianti di irrigazione estiva già esistenti, al fine di avviare piccole autoproduzioni di energia dall’acqua.

Incentivi per il mini idroelettrico: sulla base dello sfruttamento degli impianti di irrigazione estiva già esistenti è stato pubblicato il bando per le risorse da destinare ai mini impianti da parte dell’ex Agensud del Ministero delle Politiche Agricole, al fine di avviare piccole autoproduzioni di energia idroelettrica.

Il bando, che stanzia 20 milioni di euro, prevede l’assegnazione delle risorse a consorzi di bonifica del Centro e del Sud che dispongano già di infrastrutture utilizzabili per la produzione di energia elettrica dall’acqua.

Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna sono le Regioni interessate dal bando dell’ex Agensud: oltre ai 20 milioni di euro pubblici, si prevedono finanziamenti complessivi di circa 60 milioni di euro, grazie al sostegno di investitori privati. Il commissario ad acta dell’ex Agensud del Mipaaf, Roberto Iodice, ha spiegato:

È un’iniziativa innovativa, la prima in Italia, che consente, con pochi spiccioli di investimento, di produrre ingenti quantità di energia elettrica. In un anno solare, ogni consorzio potrà produrre 8.000 Kw/h di energia elettrica equivalente al consumo per un intero anno solare di 13.000 famiglie medie. Il totale della programmazione consentirà di produrre ogni anno oltre 125.000.000 Kw/h, l’ equivalente dell’energia elettrica consumata da 1.000.000 di cittadini italiani.

Il bando, limitato al momento alle regioni elencate, potrebbe essere esteso anhce al resto del territorio italiano, con una specifica programmazione per i consorzi di bonifica delle regioni del Nord.

Seguici anche sui canali social