Incentivi auto, stop al bonus: mancano le coperture

Incentivi auto, stop al bonus: mancano le coperture

Fonte immagine: iStock

Stop al bonus rottamazione auto previsto all'interno del decreto legge ambientale del Governo a causa della mancanza di coperture.

Falsa partenza dell’ambizioso decreto legge ambientale del Governo, ribattezzato da molti come “dl Clima“. Annunciato dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, tra i vari punti contenuti all’interno di questo decreto legge che punta a contrastare i cambiamenti climatici ed a migliorare la qualità dell’aria c’è quello relativo al sostegno per un trasporto sostenibile.

Più nello specifico, questo decreto legge propone nuovi incentivi auto che saranno erogati a tutti coloro che rottameranno un veicolo sino alla classe Euro 4 con relativo acquisto di un veicolo ibrido o elettrico. Rispetto agli attuali incentivi per le auto elettriche, questi nuovi bonus non permettono di ottenere subito uno sconto sul costo di acquisto dell’autovettura.

Il decreto legge specifica che il bonus sarà erogato come “credito fiscale” di 2 mila euro e che potrà essere utilizzato entro 5 anni. Credito che può essere utilizzato per acquistare abbonamenti per il trasporto, per utilizzare i servizi di car sharing e così via.

Purtroppo questo progetto è molto probabile che rimanga tale, cioè che questo nuovo incentivo non diventi realmente una possibilità per i cittadini italiani. Il decreto legge nella sua complessità ha suscitato molte discussioni all’interno del Consiglio dei Ministri e sembra che il testo, nel suo complesso, presenti molte incognite.

Il problema maggiore sembrerebbe essere legato alle coperture. Non ci sarebbero in sostanza soldi per fare tutto. In realtà le spese dovevano essere coperte da un taglio lineare del 10% annuo dei sussidi ambientalmente dannosi, noti anche come “Sad“. Questa idea è stata “stoppata” però dal Ministero dell’Economia, che ha evidenziato che quel taglio probabilmente servirà per finanziare la prossima e molto complessa manovra economica.

Difficile capire cosa succederà adesso a questo decreto legge. Il tutto alla vigilia dell’importante avvenimento del Climate Action Summit dell’Onu, su cui sta spendendo molte energie per una buona riuscita il presidente Sergio Mattarella.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli