• GreenStyle
  • Auto
  • Incentivi auto elettriche e GPL in arrivo dal governo Monti

Incentivi auto elettriche e GPL in arrivo dal governo Monti

Incentivi auto elettriche e GPL in arrivo dal governo Monti

Si torna a parlare di incentivi per auto ecologiche tra i tanti provvedimenti al vaglio del Governo. Una prima bozza potrebbe essere presentata a marzo.

Secondo alcune indiscrezioni rivelate oggi da alcuni organi di stampa, il Governo presieduto da Mario Monti starebbe pensando di varare nuovi incentivi da destinare all’acquisto di automobili “pulite”, cioè ai modelli alimentati a metano, GPL oltre che per le auto elettriche e ibride.

Il provvedimento dovrebbe essere attualmente allo studio, per poter arrivare a una prima bozza già nel mese di marzo, quando potrebbe iniziare l’iter parlamentare necessario a consentirne l’attuazione. Da notare anche come possa essere possibile che gli aiuti economici vengano stanziati non solamente per l’acquisto di nuovi modelli, ma anche per la conversione di quelli già in circolazione laddove possibile.

I nuovi incentivi auto potrebbero avere un duplice effetto, cioè quello di stimolare la diffusione di modelli ecologicamente più efficienti e al tempo stesso ravvivare il mercato dell’auto nel suo complesso, che negli ultimi anni ha fatto registrare un calo costante praticamente per tutti i più grandi produttori presenti in Italia.

Non è un caso infatti se già oggi, all’uscita delle prime indiscrezioni, le azioni del gruppo Fiat siano risalite, a chiara indicazione di come il varo di incentivi per auto ecologiche sarebbe in grado di impattare significativamente sull’andamento della domanda di vetture nuove, come accaduto peraltro in occasione dell’erogazione degli ultimi incentivi nel 2009, cioè si registrò una notevole richiesta di auto a GPL e metano, al punto da far arrivare queste due tipologie di alimentazione a costituire il 21% delle vendite di quel periodo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Stefano Ciafani – Legambiente