Incendio in California: 31 morti e almeno 228 dispersi

Incendio in California: 31 morti e almeno 228 dispersi

Continuano a bruciare gli USA a causa dell'incendio in California, raggiunte anche le case delle star: il numero dei morti sale a 31, centinaia i dispersi.

Sarebbero almeno 31 i morti a causa dell’incendio che da giorni sta bruciando la California. A questi si aggiungerebbe un numero ancora imprecisato di feriti e 228 dispersi, ai quali si aggiungono gli oltre 300 mila sfollati, anche questo al momento un dato parziale. Si tratterebbe del rogo più devastante dagli inizi del ‘900.

Le ultime vittime dell’incendio in California accertate dalle autorità locali sono quelle confermate dallo sceriffo della Contea di Butte, che ha annunciato il ritrovamento in località Paradise di 5 persone all’interno di un’abitazione e di un’altra all’interno di un’auto.

Proprio la cittadina di Paradise rappresenta uno dei casi più emblematici legati all’incendio in California: tale località è stata spazzata via del tutto dalla furia delle fiamme. Malgrado questo i vigili del fuoco sarebbe riusciti a contenere il 25% del fronte del rogo, per quanto una piena risoluzione dell’emergenza sarebbe ancora lontana.

Il presidente USA Trump ha colto l’occasione per criticare la gestione dei parchi statunitensi, alla quale sarebbe da imputare la devastazione provocata dall’attuale incendio in California:

L’unica causa di questi mortali e massici incendi in California è l’incompetenza del management dei parchi. Sono stati sborsati milioni di dollari ogni anno, tante vite perse, e tutto per colpa della disgustosa gestione delle foreste, Rimediate subito, o stop ai fondi federali.

Dura la reazione di diverse star americane tra cui Katy Perry, che ha così risposto al tweet “presidenziale”:

Questa è una risposta assolutamente senza cuore. Non ci sono nemmeno dei politici coinvolti. Soltanto brave famiglie americane che stanno perdendo le loro case mentre lei twitta, venendo evacuati nei rifugi.

Seguici anche sui canali social