Incendi a L’Aquila: 8 milioni di metri quadri in fumo

Incendi a L’Aquila: 8 milioni di metri quadri in fumo

Fonte immagine: Pixabay

Incendi a L'Aquila, coinvolti almeno 8 milioni di metri quadrati: è quanto emerge dalle analisi sul campo e dalle attività di spegnimento dei roghi.

Effetti devastanti a L’Aquila, a causa degli incendi che negli ultimi giorni ne ha minacciato il patrimonio naturale. Sarebbero infatti 8 milioni i metri quadrati di bosco andati in fumo, in particolare nei pressi del quartiere Pettino. Un vero e proprio dramma per l’Abruzzo, già da tempo nominata Regione Verde d’Europa.

A rendere nota l’entità dei danni causati dai roghi è Piera Rosati, Presidente Nazionale di Lndc Animal Protection, dalle pagine di Abruzzo Live:

Sono profondamente addolorata per quanto sta accadendo in Abruzzo. Parlare di 800 ettari bruciati potrebbe non rendere l’idea della vastità del disastro. Si tratta di ben 8 milioni di metri quadri, una superficie impressionante. Il mio pensiero va a tutti gli alberi e le piante distrutte ma soprattutto a tutti gli animali selvatici che, attanagliati dal terrore, nella migliore delle ipotesi sono riusciti a fuggire rimanendo senza casa ma tantissimi altri saranno purtroppo morti nel tentativo di scappare da quell’inferno.

Incendi: un lavoro senza sosta

Per giorni i canadair e le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato incessantemente per spegnere le fiamme, aiutati dalla Protezione Civile e da numerosi volontari. Fondamentali i bacini d’acqua dei laghi di Campotosto e del Vetoio, dove i mezzi aerei hanno potuto rifornirsi celermente nel tentativo di spegnere l’incendio. Dei roghi forse di natura dolosa, così come sempre Piera Rosati sottolinea:

È inquietante pensare che tutta questa distruzione e morte sia, a quanto pare, stata causata per l’ennesima volta dall’uomo. Sembrerebbe infatti che siano stati trovati alcuni inneschi e che l’incendio sia dunque di natura dolosa. Se le indagini dovessero confermarlo, mi auguro davvero che in qualche modo si riesca a risalire ai responsabili e punirli adeguatamente. Chi compie questi gesti danneggia irrimediabilmente la natura e tutti noi.

La distruzione dei boschi ha portato anche alla perdita di alcuni habitat naturali, necessari per le numerose specie animali che vivono nella zona. Le foreste nei dintorni de L’Aquila sono infatti un patrimonio di inestimabile biodiversità, per questo la Protezione Civile e il Nucleo Guardie Zoofile Volontarie sono già al lavoro per recuperare eventuali esemplari in difficoltà.

Fonte: Abruzzo Live

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Letizia Lanzarotti – Lady Be