Incendi in Amazzonia: 4 servizi online per piantare alberi

Incendi in Amazzonia: 4 servizi online per piantare alberi

Fonte immagine: Pixabay

Sono molti i servizi online che permettono di piantare alberi, a costi estremamente contenuti: un modo semplice per compensare gli incendi in Amazzonia.

Colpa dei cambiamenti climatici oppure dell’azione dolosa dell’uomo, gli incendi sono un’evenienza sempre più frequente e drammatica. Le immagini della Siberia in fiamme e dell’Amazzonia messa in ginocchio da centinaia di roghi sono solo le ultime di una lunga serie: praticamente a cadenza giornaliera, da qualche anno a questa parte una porzione importante delle foreste mondiali viene distrutta dalle fiamme. Un problema che coinvolge direttamente anche l’Italia – basti pensare ai diversi incendi che hanno coinvolto la Sardegna nel corso dell’estate del 2019 – che lascia sgomenti e inermi davanti a tanta devastazione. Eppure fornire un piccolo contributo per una svolta in verde è possibile e accessibile a tutti, anche rimanendo comodamente seduti in poltrona.

Sono infatti molti i servizi online che, con pochissimi click e a costi molto contenuti, permettono di contribuire alla riforestazione. Non solo con donazioni dirette o indirette, ma anche con la possibilità di piantare un albero. Quali sono i più noti e come funzionano?

Ecosia

Ecosia

Inaugurato qualche anno fa, e tornato di grande attualità proprio in concomitanza con i recenti roghi in Amazzonia, Ecosia è il servizio che permette a chiunque di contribuire alla riforestazione, anche a coloro che non hanno possibilità economiche per effettuare una donazione in denaro. Ecosia è infatti un motore di ricerca che, tramite gli introiti pubblicitari, investe nella piantumazione in molte aree del Pianeta.

All’utente è semplicemente richiesto di effettuare delle comuni ricerche sul web – così come si farebbe con dei motori di ricerca più classici – al resto ci pensa Ecosia. Il portale si è già occupato di piantare milioni di alberi, con progetti di riforestazione in America Centrale, in Sudamerica, in Spagna, in Africa e nel Sudest Asiatico. Il servizio, inoltre, fornisce una documentazione mensile di trasparenza, con tutti i risultati finanziari, è alimentato da fonti completamente rinnovabili e prevede delle opzioni di protezione della privacy dell’utente molto elevate. Ancora, è possibile scaricare un’estensione per Chrome, così da aggiungere il motore di ricerca direttamente al browser di Google.

Treedom

Treedom

Tra i portali che permettono di acquistare e piantare alberi in tutto il mondo, Treedom è certamente uno dei più famosi. Il servizio ha attivi progetti di riforestazione in Nepal, Kenya, Italia, Haiti e Camerun e permette, con una piccola spesa, di seguire tutte le fasi dell’albero prescelto. A seconda dell’area del mondo, sarà possibile scegliere tra esemplari come la tephrosia, il limone, la mangrovia bianca, il cacao e il nespolo giapponese e molti altri ancora: per ogni pianta viene illustrato il significato delle coltivazione e, fatto non da poco, l’impatto di ogni singolo albero in termini di compensazione della CO2 rilasciata in atmosfera. Ad esempio, un singolo esemplare di tephrosia contribuisce alla compensazione di ben 200 kg di anidride carbonica prodotta dalle attività dell’uomo.

I prezzi di Treedom sono compresi tra i 12 e i 25 euro per singola pianta, ma esistono anche pacchetti sconto per più alberi alla volta e anche servizi in abbonamento: ad esempio, spendendo 9.90 al mese, si potranno compensare ben 3 tonnellate di CO2 ogni anno. Bisogna sottolineare, inoltre, come le piante prescelte – oltre alla produzione di ossigeno e alla limitazione dei gas scelta – vengano anche inserite in progetti utili per le popolazioni locali, come la produzione di frutta e altri alimenti, mangimi per l’allevamento degli animali, repellenti per gli insetti dannosi e molto altro ancora.

Tree-Nation

Tree-Nation

Anche Tree-Nation è un famoso sito per piantare alberi, con progetti attivi in Europa, in Africa, in Sudamerica, in Medio-Oriente, in India e in Indonesia. Sono più di 147 i siti attivi in tutto il mondo e moltissime le varietà tra cui scegliere: dall’Avicennia marina alla Minquartia guianensis, passando per decine di altre varietà ancora. I prezzi partono dagli 0.50 euro – quindi davvero alla portata di tutti – fino a qualche decina per le tipologie più rare o in via d’estinzione.

Per ogni albero piantato da Tree-Nation viene fornita una certificazione, affinché si possa accertare l’effettiva messa in dimora della pianta, inoltre è possibile ottenerne la posizione su mappa, consultabile in qualsiasi momento all’interno del proprio profilo online. Non ultimo, per ogni albero è specificato il ciclo di vita, la compensazione di CO2 raggiunta dal momento di inserimento nel terreno e tutte le curiosità sulla specie. È quindi offerta la possibilità di costruire un profilo personale online, interagire con i propri amici, osservare gli alberi degli altri, nonché di imparare come compensare e ridurre le proprie emissioni. Non ultimo, si possono anche regalare alberi a terzi.

Piantando

Piantando

Per chi fosse alla ricerca di un servizio completamente italiano, e del tutto innovativo, Piantando può rappresentare la risposta giusta. Si tratta infatti di una realtà imprenditoriale virtuosa, capace di abbinare alla vendita di bellissime piantine dei progetti di tutela ambientale in tutto il mondo. Tramite il sito è possibile acquistare alcune splendide piante in vaso – come la Haworthia, l’Albero di Giada e altre succulente – e contestualmente contribuire ai vari progetti di riforestazione e di tutela ambientale che Piantando ha avviato in diverse zone del Pianeta. I prezzi vanno dai 37.80 ai 44.90 euro, a secondo della tipologia di pianta o degli abbinamenti, e sono presenti anche delle soluzioni aziendali per le imprese desiderose di abbracciare una svolta green o, più semplicemente, di fare un regalo gradito ai dipendenti e al Pianeta.

Sono molteplici, così come già accennato, le iniziative avviate da Piantando nel mondo, suddivise fra cinque categorie: Terra, Acqua, Clima, Comunità Locali e Biodiversità. Tra i tre progetti già inaugurati, una partnership con la Fundación Reforestemos per il ripristino delle foreste in Cile e in Patagonia, il “Pozzo dei Desideri” per portare acqua potabile in Malawi e “L’Isola di Amantani” per il sostegno della comunità indigena del Perù con la costruzione di uno speciale laboratorio. È anche possibile, tramite il sito ufficiale, proporre autonomamente delle nuove iniziative.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli