Imperial Tobacco è la prima azienda plastic free nel settore del tabacco

Imperial Tobacco è la prima azienda plastic free nel settore del tabacco

Imperial Tobacco punta sulla sostenibilità ambientale mettendo al bando la plastica monouso nei propri uffici.

Il plastic free arriva anche nel mondo del tabacco. È il caso di Imperial Tobacco Italia, filiale italiana della Imperial Brands, una delle più grandi multinazionali del settore.

Una piccola rivoluzione, che parte dal cambio radicale dei suoi uffici attraverso interventi mirati. Dai distributori automatici, sostituiti con erogatori d’acqua, ai classici bicchieri e stecchette monouso per caffè, sostituiti da alternative in carta e legno. Ai dipendenti (oltre 200 risorse) sono stati distribuiti thermos e tazze personalizzate, le bottiglie impiegate nelle sale riunioni hanno lasciato spazio a quelle biodegradabili e compostabili. Un cambio di rotta nelle forniture, che ha portato a risultati rilevanti. Avviata a fine 2018, l’iniziativa ha già contribuito a eliminare il consumo di 5.626 bottigliette, per un risultato atteso di 26.000 unità entro fine anno, equivalenti a circa 260 chili di rifiuti.

Non sono mancati i riconoscimenti. L’azienda ha appena ottenuto la qualifica di “Ufficio Plastic Free” dal Ministero dell’Ambiente, a riprova degli sforzi adoperati al fine del minimo impatto.

Una conferma che ha reso fiera la responsabile HR di Imperial Tobacco, Margherita Ciaschini:

Siamo particolarmente orgogliosi di essere la prima società del nostro settore ad essere inserita dal Ministero dell’Ambiente nell’elenco delle realtà italiane plastic free. Una menzione che avvalora l’inizio di un percorso di crescente responsabilità verso i diversi ecosistemi e il territorio, valore che guida anche le nostre iniziative di business e che abbiamo voluto condividere in questi mesi con tutti i nostri colleghi

Una testimonianza importante, per una società libera dalla plastica anche nelle realtà produttive del paese.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci