Il video NASA che mostra come si sposta nel mondo l’inquinamento

Il video NASA che mostra come si sposta nel mondo l’inquinamento

Fonte immagine: Unsplash

L'inquinamento atmosferico viaggia da una parte all'altra del globo: tutti responsabili e nessuno esente da rischi.

La NASA ha creato un nuovo video per rispondere alla domanda: come si muove l’inquinamento nel mondo?

Un po’ come il più classico degli assassini che fugge via dal luogo del delitto, le polveri sottili trasportate dalle correnti atmosferiche non restano dove vengono prodotte ma si muovono da una parte all’altra del globo.

Nel video diffuso dall’Agenzia a stelle e strisce si nota come queste particelle dannose per l’organismo, l’esposizione può portare ad esempio ad attacchi di cuore, tumori e malattie respiratorie, siano collegate tra loro e nessun Paese può dirsi esente da rischi.

“La situazione del particolato è davvero preoccupante”, ha spiegato Gina McCarthy, e del Centro per il clima, la salute e l’ambiente globale ad Harvard, “prima non si pensava potesse creare tanti danni ma, come si vede, l’inquinamento non conosce confini”.

Il messaggio che arriva dalla NASA è tanto chiaro quanto allarmante: l’inquinamento atmosferico prodotto in qualsiasi parte del globo può avere ripercussioni ovunque, e per questo non possiamo far finta che non ci riguardi.

Nel video la parte che sembra “polvere bianca in movimento” rappresenta l’inquinamento generato dai settori legati all’industria e il fumo generato dagli incendi che si abbattono sul pianeta, in crescita nel loro potere distruttivo anche per via dei cambiamenti climatici. In genere queste particelle sono di piccole dimensioni e per questo capaci di entrare a fondo nel nostro organismo.

Le polveri rosse, invece, sono particelle che hanno dimensioni più grandi, e rappresentano lo spostamento di materiali già presenti in natura, come la sabbia. In genere, questi spostamenti non sono così preoccupanti e rischiosi per la salute umana.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Detersivi con scarti alimentari: ecco come realizzarli