Il cibo biologico non è più sano, lo sostiene l’università di Stanford

Il cibo biologico non è più sano, lo sostiene l’università di Stanford

Il cibo biologico non è migliore di quello con fitofarmaci. Lo dice uno "studio sugli studi sui cibi" pubblicato dall'Università di Stanford.

Quando si parla di cibo c’è una domanda da un milione di dollari alla quale è sempre difficile rispondere: il cibo biologico è di per sé migliore di quello normale? È più nutriente o più sano? Uno studio della Stanford University sembrerebbe dimostrare di no: non ci sarebbero quasi differenze tra cibo biologico e cibo prodotto utilizzando i concimi e i fitofarmaci permessi dalla legge.

Il biologico, secondo questo studio, non contiene più vitamine o proteine. O meno grassi nel caso della carne. Anche le possibili contaminazioni da batteri risulterebbero paragonabili. L’unica vera differenza si nota nella concentrazione di fertilizzanti e prodotti chimici presenti nelle urine dei bambini, inferiori nel caso di alimentazione biologica.

Tuttavia, questo studio è da prendere con delle enormi molle. Non si tratta, infatti, di un vero e proprio studio scientifico sul campo ma di “uno studio su altri studi”. I ricercatori, in pratica, hanno estratto i risultati di oltre 200 lavori scientifici pubblicati in America tra il 1966 e il 2011. Lavori sia sui prodotti agricoli e le carni, sia sugli esseri umani che li consumano.

Il dubbio maggiore è se gli studi del 1966 siano paragonabili nel metodo e nei risultati a quelli del 2011. Lo stesso paper dei ricercatori di Stanford ammette che:

Gli studi esaminati erano eterogenei e limitati nel numero e potrebbero essere presenti delle distorsioni

C’è da scommettere, però, che questo lavoro verrà portato ad esempio dai detrattori dell’agricoltura biologica.

Seguici anche sui canali social