Il 2019 sarà un anno vegan secondo The Economist

Il 2019 sarà un anno vegan secondo The Economist

Il 2019 rappresenterà un anno dei svolta per la diffusione dell'alimentazione vegan, che diventerà il tema principale dell'anno nuovo.

Il 2019 sarà un anno vegan secondo The Economist. Il popolare magazine britannico ha individuato nell’alimentazione vegana la principale tendenza del prossimo anno, inserita insieme agli altri “trend” che riscuoteranno maggiori consensi nel rapporto “The World in 2019”. Importante in tal senso sarà l’orientamento degli USA, dove i pasti senza derivati animali riceveranno consensi soprattutto dai “millennials”.

Secondo The Economist vegani sempre più protagonisti del 2019 anche grazie alle forte crescita negli USA, dove si identifica come “vegano” circa il 25% degli individui compresi tra i 25 e i 34 anni d’età. A questo si aggiungono altri fattori come la scelta da parte di un sempre maggiore numero di mense (scuole e ospedali) che hanno deciso di offrire soluzioni vegane, così come un approccio più “vegan-friendly” è stato intrapreso anche da grandi catene come McDonald’s e TGI Fridays. Durante il prossimo anno crescerà quindi l’attenzione verso le tematiche vegan secondo l’autore John Parker:

Sta crescendo l’interesse nel modo di vivere di quelle persone che si allontanano non soltanto da carne e cuoio, ma da tutti i prodotti animali inclusi uova, lana e seta, soprattutto tra i millennials.

La crescita dell’attenzione verso l’alimentazione vegan sfrutterà anche l’arrivo di sempre maggiori soluzioni alternative alle carne, come ad esempio Beyond Meat e Vivera’s vegan steaks, che secondo The Economist porteranno il veganismo a passare da “minoranza in una minoranza” ad argomento “mainstream” durante il 2019. Come ha concluso Parker:

Se i pasti a base vegetale prenderanno piede potranno rappresentare una tecnologia di trasformazione in grado di migliorare le diete occidentali fortemente improntate alle proteine, riducendo l’impronta ambientale dell’allevamento di animali e persino tagliando i costi del cibo nei Paesi poveri.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Smacchiatori naturali per tessuti