I fumatori contaminano i luoghi pubblici, colpa dei vestiti

I fumatori contaminano i luoghi pubblici, colpa dei vestiti

Sostanze tossiche distribuite attraverso i vestiti dei fumatori, ecco i risultati di uno studio della Yale University.

Proibire il fumo all’interno dei cinema ha ridotto drasticamente le sostanze tossiche respirate nelle sale da fumatori e non. Un ottimo risultato, che però non raggiungerebbe l’assenza totale. Secondo un gruppo di ricercatori della Yale University (New Haven, Connecticut) una possibile fonte di rischio per la salute verrebbe anche dai vestiti di chi fuma.

Assistere a un film non espressamente destinato ai bambini esporrebbe chi entra in sala, in appena un’ora di tempo, al fumo di seconda mano equivalente a dieci sigarette. Vettore di questo fumo (definito in questo caso di “terza mano”) sarebbero proprio i vestiti dei fumatori.

Per valutare i livelli di inquinanti rilasciati i ricercatori hanno analizzato per una settimana alcune sale cinematografiche, differenziando i risultati in base alla tipologia di film (per bambini o per un pubblico più adulto). Si sono avvalsi per le misurazioni di uno spettrometro di massa, che ha rilevato le tracce di fumo sia all’arrivo degli spettatori che dopo l’uscita del pubblico.

Rinvenute nelle sale sostanze tossiche tipiche del fumo di tabacco come la formaldeide e il benzene, i cui livelli hanno fatto registrare dei picchi importanti all’arrivo di alcuni degli spettatori. Misurazioni più elevate in caso di film per un pubblico di età media più alta. Come ha dichiarato il Prof. Drew Genter, ricercatore coinvolto nello studio:

Le persone sono sostanziali vettori di contaminanti da fumo di terza mano verso altri ambienti. Di conseguenza, l’idea che qualcuno sia protetto da potenziali effetti sulla salute del fumo di sigaretta perché non è direttamente esposto al fumo di seconda mano non è veritiera.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle