Huawei Mate 40 Pro, lo smartphone è sempre più green

Huawei Mate 40 Pro, lo smartphone è sempre più green

Fonte immagine: Huawei

Huawei punta sulla sostenibilità ambientale con Mate 40 Pro, il cui packaging riduce fortemente l'uso di plastica e carta.

Huawei Mate 40 Pro punta ad affermarsi come lo smartphone più green di sempre. Un obiettivo perseguito su larga scala, a cominciare dalla particolare attenzione rivolta alla sostenibilità del packaging. Imballaggio che vedrà calare in maniera sensibile la percentuale di carta e di plastica tra i materiali utilizzati.

Con Mate 40 Pro Huawei ha deciso di compiere un passo importante sul fronte dell’utilizzo di plastica. L’impiego di questo materiale è stato ridotto al 3,8% dell’intero imballaggio. Rimosso inoltre l’involucro protettivo dalla confezione: il risparmio totale è di 18mila chilogrammi di rifiuti plastici in meno per ogni 10 milioni di confezioni.

Tecnologia e rispetto dell’ambiente espressi anche con la riduzione dell’uso di carta nel packaging e nelle istruzioni. Meno 90% per quanto riguarda la documentazione inclusa con Huawei Mate 40 Pro, che non conterrà nemmeno la garanzia cartacea (rimarrà però disponibile in formato digitale da sito Huawei o tramite QR Code). La QuickStart Guide scende da 340 a 44 pagine.

Huawei Mate 40 Pro green
Fonte: Huawei

Emissioni di CO2 ridotte di oltre 12mila tonnellate (per ogni 10 milioni di unità) grazie al minore impiego di carta. Inoltre è stato scelto uno speciale inchiostro a base di soia, 100% decomponibile, per la sostituzione dei tradizionali inchiostri ottenuti dal petrolio. Ha commentato Isabella Lazzini, Marketing and Retail Director Huawei Italia CBG:

In Huawei, siamo pienamente consapevoli che tutto il comparto debba prendere decisioni coraggiose per affrontare le questioni ambientali che ci riguardano tutti ogni giorno di più. HUAWEI Mate 40 Pro è il nostro smartphone più sostenibile. La riduzione significativa di plastica e carta negli imballaggi è solo il primo di una serie di passi che ci accingiamo a compiere verso un futuro sempre più green.

Italia e sostenibilità ambientale, la ricerca di Huawei

Huawei ha deciso inoltre di commissionare una ricerca per capire l’orientamento degli europei in merito a sostenibilità e riciclo. Ne emerso che il 25% desidera la rimozione totale della plastica dal packaging entro il 2025. La percentuale supera il 29% prendendo in considerazione il dettaglio relativo all’Italia. Gli utenti del Bel Paese vorrebbero (31% delle risposte) che le aziende raggiungessero tale obiettivo entro il 2021.

Sul fronte del riciclo l’Italia è al primo posto in Europa con il 76% di intervistati che ricicla tutti i giorni. Percentuale che si ferma al 55% per quanto riguarda la media europea. A preoccupare sono non soltanto gli imballaggi in plastica, vetro e alluminio, ma anche la carta (71% degli italiani, 70% degli europei). Meno lusinghiero il dato sul mancato riciclo dei rifiuti elettronici (RAEE): il 28% degli italiani non li ricicla, contro il 20% della media in Europa.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle