Halloween: la festa produce troppa plastica

Halloween: la festa produce troppa plastica

Halloween è una festa sempre più amata anche in Italia, ma rischia di nascondere un'insidia per l'ambiente legata all'inquinamento da plastica.

Halloween è sempre più di moda anche in Italia, così come in diversi altri Paesi del mondo. Particolarmente amata negli Stati Uniti, questa festa è ben radicata anche nel Regno Unito. In Gran Bretagna a spaventarsi sembrerebbe essere l’ambiente più che chi indossa maschere e costumi: qui ogni anno soltanto per questi oggetti e vestiti vengono prodotte circa duemila tonnellate di plastica.

Secondo uno studio riportato dalla BBC, realizzato da Charities Hubbub e The Fairyland Trust, tale quantitativo equivarrebbe a circa 83 milioni di bottiglie di plastica (più o meno 1 per ciascun suddito di Sua Maestà). Un impatto in termini di plastica che potrebbe in realtà risultare persino superiore, in quanto nel bilancio delle due organizzazioni non sono inclusi dolci, bevande e altri tipi di imballaggi.

Le due organizzazioni benefiche hanno analizzato 324 costumi e accessori venduti online da 19 piattaforme, tra cui Ebay, Amazon, H&M e Zara. Stando a quanto concluso da Charities Hubbub e The Fairyland Trust l’83% dei vestiti è realizzato con materiali plastici, perlopiù poliestere (69%).

A preoccupare le organizzazioni sia il sempre maggiore interesse intorno alla festa, sia il fatto che circa il 40% dei costumi indossati ad Halloween verrà indossato soltanto una volta. Poco incoraggiante anche il dato relativo agli acquisti: il 90% comprerà un nuovo costume, mentre appena il 10% ne indosserà uno già posseduto o ne realizzerà uno in casa. Come ha dichiarato Chris Rose, Fairyland Trust:

I consumatori interessati possono agire in maniera personale per evitare di acquistare nuova plastica, e vestirsi comunque per Halloween comprando da negozi solidali o riutilizzando i costumi per creare nuovi vestiti, o creare i propri costumi da materiali non plastici.

Fonte: BBC

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Raccolta beach litter: intervista con Laura Brambilla – Legambiente