Greta Thunberg: detrattori bullizzano la sorella Bea

Greta Thunberg: detrattori bullizzano la sorella Bea

Fonte immagine: European Parliament

Greta Thunberg sottolinea in un'intervista a un quotidiano svedese le difficoltà di sua sorella, spesso oggetti di attacchi da parte di chi odia Greta.

Greta Thunberg è intervenuta nuovamente sui media, ma questa volta in difesa di sua sorella Bea. In un’intervista rilasciata al quotidiano svedese Dagens Nyheter la sedicenne svedese ha sottolineato la necessità di un passo indietro da parte di alcuni detrattori e haters, che avendo difficoltà a raggiungere lei (a causa dei suoi molti e non sempre programmati spostamenti) sposterebbero le loro “pressioni” e la loro “cattiveria” sulla tredicenne Beata Ernman Thunberg.

Durante l’intervista Greta Thunberg ha affrontato anche le pressioni e le critiche che seguono il suo essere diventata un personaggio pubblico. Tra i temi trattati c’è stato anche quello degli haters e della famiglia, di come sua sorella Bea finisca con l’essere il bersaglio di attenzioni sgradite da parte dei detrattori della giovane ambientalista svedese:

Se c’è una persona che soffre, quella è mia sorella Bea, che ha tredici anni, ed è costantemente bersaglio di mobbing, cattiveria e molestie.

Tutti quelli che mi minacciano e mi scrivono messaggi di odio alla fine se la prendono con lei. La gente non sa dove mi fermo, e dove passo la notte, perché non ho una routine quotidiana. Invece mia sorella è sempre a casa, e cerca di avere una sua vita normale, ma così è molto più facile da raggiungere.

In viaggio attraverso gli USA (per incontrare le comunità Sioux contrarie a un oleodotto) con suo padre Svante, attore, Greta ricorda che invece sua sorella ha scelto di ripercorrere le orme materne e dedicarsi al canto lirico. Beata è risultata inoltre affetta da disturbi dello spettro autistico (autismo), ma ciò non le ha impedito di debuttare lo scorso giugno in tv con il brano “Bara Du Vill”.

Nonostante diverse segnalazioni alla Polizia le molestie da parte degli haters sarebbero proseguite. A questo proposito Greta chiede ai suoi sostenitori un aiuto anche per difendere Bea:

Ricevo continuamente inviti da parte di persone che mi vogliono aiutare. Il modo migliore per aiutarmi, però, ora è sostenere mia sorella. Non perché è mia sorella, ma perché è una persona meravigliosa e forte, ed è anche la mia migliore amica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La Mobilità si fa in 4, l’iniziativa di Arval per le scuole