Greta: Covid ha messo in pausa il dibattito sul clima, è un errore

Greta: Covid ha messo in pausa il dibattito sul clima, è un errore

Fonte immagine: Greta Thunberg / Twitter

Greta Thunberg si è collegata con la Mostra del Cinema di Venezia, secondo l'attivista è un errore mettere in pausa il dibattito sul clima.

Greta Thunberg è tornata a parlare del clima in occasione della Mostra del Cinema di Venezia. La 17enne svedese ha sottolineato come l’emergenza Coronavirus abbia portato a “congelare” il discorso sui cambiamenti climatici. Un errore secondo l’attivista, intervenuta in occasione del dibattito sul film “Greta“. Pellicola realizzata dal regista Nathan Grossman e incentrata proprio sulla giovane ambientalista.

Terminato il suo anno sabbatico, Greta si è collegata con Venezia durante una pausa tra due lezioni. Come ha dichiarato all’Ansa c’è la necessità, pur non trascurando l’emergenza Covid-19 di tenere alta l’attenzione sui cambiamenti climatici:

La crisi del Covid-19 ha colpito tutti, sconfiggere il virus è una priorità, non si possono gestire due crisi insieme: per questo le questioni ambientali, la lotta ai cambiamenti climatici è stata messa in pausa, invece dobbiamo capire che è urgente e non si può mollare se vogliamo avere un futuro.

Greta ha rifiutato inoltre il marchio di “bambina arrabbiata che urla”, affermandosi come una “nerd” che ama la Terra:

Non sono la bambina arrabbiata che urla davanti ai leader mondiali, non sono come alcuni media mi rappresentano, sono una ragazza timida, studiosa, una nerd che ha a cuore il presente e il futuro del Pianeta e dunque anche il mio.

Riguardo al film che la vede protagonista, Greta ha dichiarato di riconoscersi nel risultato finale e ha commentato un particolare curioso sulla lavorazione. Il regista Grossman ha realizzato le riprese da solo, senza l’ausilio di alcuna troupe:

Mi riconosco nel film inizialmente ero preoccupata, Nathan era sempre con me, filmava tutto in silenzio durante oltre un anno, neppure mi ricordavo di lui, a un certo punto ho pure dubitato che il suo fosse un lavoro professionale.

Fonte: La Repubblica

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle