Green economy, gli Stati Generali a Rimini il 7 e 8 novembre

Green economy, gli Stati Generali a Rimini il 7 e 8 novembre

Stati generali della Green Economy, l'appuntamento è per il 7 e 8 novembre alla Fiera di Rimini. Presente anche il ministro dell'Ambiente Corrado Clini.

Oltre 300 esperti impegnati in 8 gruppi di lavoro su temi strategici, circa 2.000 tecnici e rappresentanti della società civile coinvolti in Assemblee nazionali tematiche, 39 organizzazioni di imprese che si confronteranno in decine di incontri preparatori. Ecco i protagonisti del processo partecipativo per lo sviluppo dell’economia legata all’ambiente, che culminerà alla Fiera di Rimini il 7 e l’8 novembre prossimo con gli Stati Generali della Green Economy, evento che si terrà nell’ambito di Ecomondo, la fiera di settore giunta alla 15° edizione, e Key Energy.

E anche il governo punta sulla green economy come strumento di sviluppo economico sostenibile che contribuisca a fare uscire l’Italia dalla crisi economica:

Anche in Paesi in via di sviluppo come India, Brasile, Cina e Russia hanno capito l’importanza di questo settore per uno sviluppo economico sostenibile – ha dichiarato il ministro Clini – e noi in Italia dobbiamo fare lo stesso e, anzi, essere dei precursori.

Il programma per lo sviluppo di una green economy, in fase di elaborazione nei gruppi di lavoro, affronterà 8 settori individuati come strategici per lo sviluppo di un’economia verde in Italia. Si tratta, in particolare, dell’eco-innovazione, del risparmio energetico e dello sviluppo delle fonti rinnovabili; dello sviluppo del riciclo e dei materiali rinnovabili; della mobilità sostenibile; dell’agricoltura di qualità ecologica; dei servizi ambientali e del potenziamento degli strumenti economici per sostenere tale svolta. Su questi temi si confronteranno anche 8 Assemblee nazionali che sono state programmate tra luglio e settembre.

Sull’importanza della Conferenza di Rio+20 è intervenuto anche Edo Ronchi che oltre a essere stato ministro dell’Ambiente dal 1996 al 2000 (governo Prodi) è anche presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e del Comitato organizzatore:

Questa manifestazione ha alimentato la spinta internazionale per lo sviluppo di una green economy. La crescente consapevolezza ambientale apre spazi di mercato, nazionale e globale, per consumi e produzioni a elevata qualità ecologica. L’Italia grazie al dinamismo delle sue imprese e alla tradizionale associazione del made in Italy alla bellezza e alla qualità, può utilizzare le chiavi della green economy per aprire le porte a una nuova prospettiva di sviluppo.

Il programma per lo sviluppo della green economy sarà presentato e discusso alla fiera di Rimini con rappresentanti dell’Unione Europea e dell’OCSE, delle principali organizzazioni delle imprese e dei sindacati, del mondo politico e parlamentare, delle associazioni ambientaliste e dei consumatori, di Enti locali e Regioni. In questa occasione sarà anche presentato un Rapporto sulla Green Economy, realizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con l’Enea.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

“How green is the Internet?”, il Summit 2013