• GreenStyle
  • Salute
  • Gravidanza, donne: bere alcol riduce le possibilità di concepimento

Gravidanza, donne: bere alcol riduce le possibilità di concepimento

Gravidanza, donne: bere alcol riduce le possibilità di concepimento

Bere alcol regolarmente ridurrebbe le possibilità di concepimento di quasi un quinto, a sostenerlo uno studio condotto in Danimarca.

Bere alcol può ridurre di quasi un quinto le possibilità di concepimento. Questo è quanto indicato dai ricercatori danesi della Aarhus University Hospital, secondo i quali a subire tale pericoloso effetto sarebbero le donne. L’abuso di alcolici rischierebbe di alterare il ciclo mestruale e di produrre seri danni agli ovuli.

Basterebbe bere un bicchiere pieno di vino al giorno per vedere ridotte le possibilità di concepimento del 18%. L’effetto dell’alcol si protrarrebbe fino a un anno. I risultati sono stati ottenuti analizzando i profili di 6120 donne, di età compresa tra i 21 e 45 anni, che tentavano di concepire un figlio. Lo studio è stato condotto tra giugno 2007 e gennaio 2016.

A ciascuna delle partecipanti è stato chiesto di compilare un questionario, attraverso il quale sono state delineate le abitudini delle volontarie in relazione al consumo di alcolici (quantità e tipologia di bevanda alcolica consumata). A vedere ridotte le proprie possibilità di concepimento del 18% le donne che hanno consumato un quantitativo medio minimo di 250 ml (14 dosi settimanali).

I ricercatori hanno affermato inoltre come sia stata riscontrata durante lo studio, pubblicato sulla rivista BMJ, una differenza tra vino e superalcolici: questi ultimi avrebbero prodotto effetti minori sulle possibilità di concepimento.

Un dato particolare è emerso infine per quanto riguarda il quantitativo settimanale assunto dalle donne: coloro che hanno consumato da 0 a 13 dosi di alcol in una settimana non avrebbero mostrato percentuali significative di riduzione delle probabilità di avviare una gravidanza.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social