Gorilla uccisi da un fulmine improvviso

Gorilla uccisi da un fulmine improvviso

Fonte immagine: Pexels

Alcuni gorilla sono morti a causa di un improvviso fulmine: è successo in Uganda, in un Parco Nazionale dove questi animali vivono protetti.

Una piccola comunità di gorilla è stata colpita da un fulmine, un evento naturale che ha causato la morte di ben quattro esemplari. È quanto è accaduto in Uganda nelle scorse settimane: gli animali si trovavano all’interno di un parco naturale, inseriti in un programma di protezione e ripopolamento.

Il terribile evento sarebbe occorso lo scorso 3 febbraio, sebbene la notizia sia stata confermata unicamente nel weekend. Dai resoconti, quattro gorilla – tre femmine e un cucciolo – avrebbero perso la vita a causa di un improvviso fulmine, mentre si trovavano all’interno del Mgahinha National Parka, nel sudovest dell’Uganda. Secondo quanto riferito dalla Greater Virunga Transboundary Collaboration, gli esami di laboratorio condotti sui cadaveri avrebbero confermato l’evento naturale inevitabile:

Sulla base delle ferite rinvenute sui corpi nell’analisi post-mortem, la causa del decesso è probabilmente da collegare a una folgorazione elettrica da fulmini.

I quattro gorilla scomparsi facevano parte di una famiglia di 17 esemplari, i quali erano giunti all’interno del parco nazionale lo scorso agosto, migrando da una zona verde del Rwanda. La notizia ha generato profonda tristezza fra gli esperti che lavorano alacremente per la conservazione di questa specie, così come ha spiegato Andrew Seguya, segretario della Collaboration sopracitata:

Tutto ciò è davvero triste. Il potenziale di tre femmine per la crescita della popolazione era immenso.

Gli sforzi di conservazione dei gorilla si sono rivelati particolarmente efficienti nel corso dell’ultimo decennio. Nel 2008, così come riferisce il Guardian, pare vi fossero solo 680 esemplari rimasti, oggi saliti a più di 1.000. Il Mgahinga National Park da anni si occupa della protezione e della salvaguardia di questi animali, proprio per garantirne una rapida crescita della popolazione: la specie, ad esempio, è passata da “rischio critico di estinzione” a “rischio di estinzione”, segnando quindi un lieve miglioramento.

Fonte: Guardian

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese