Gonfiore e pesantezza dopo le Feste, i cibi alleati della salute

Gonfiore e pesantezza dopo le Feste, i cibi alleati della salute

Per risolvere gonfiore e disturbi intestinali dopo le feste natalizie la nutrizionista consiglia alcuni cibi per mangiare sano: ecco quali sono.

Le festività natalizie hanno portato con sé non soltanto felici riunioni con amici e parenti, ma anche grandi abbuffate e pesantezza digestiva. Il consistente carico di cibo ingerito da molti ha prodotto perlopiù gonfiore e disturbi di varia natura all’apparato gastrointestinale. Alcuni cibi possono aiutare però a tornare alla normalità, ripristinando il corretto equilibrio e la regolarità.

Guardando nello specifico al gonfiore intestinale la colpa sarebbe da attribuire ad alterazioni del microbioma intestinale. A spiegarlo la dott.ssa Deborah Tognozzi, biologa nutrizionista e specialista in applicazione Biotecnologiche del Gruppo Sanitario Usi:

La sensazione di gonfiore deriva da un’alterazione dell’equilibrio del nostro microbiota intestinale, determinata da una scorretta alimentazione durante questo periodo festivo che ha causato ando probabilmente uno stato di disbiosi intestinale, ossia un’alterazione della flora batterica microbica intestinale.

La stessa nutrizionista ha proseguito sottolineando la possibilità di contrastare questo e altri disturbi attraverso una dieta attenta e ben bilanciata. Mangiare sano si dimostrerebbe in questi casi più che mai d’aiuto. A cominciare dal ricorso a fibre provenienti da “cibi integrali, crudi e bio”, con particolare attenzione ad asparagi, banane, crauti, alghe, aglio e cicoria.

Via libera anche agli yogurt e agli alimenti fermentati come la robiola, il caprino e la ricotta, in grado di fornire la giusta dose di probiotici. La nutrizionista consiglia inoltre il ricorso a olio d’oliva, frutta secca, cacao crudo, pesce grasso e vino rosso, quest’ultimo da assumere con moderazione. Da evitare quanto più possibile il ricorso a sale e zuccheri aggiunti, soprattutto se raffinati, come anche l’eccessivo ricorso a prodotti contenenti glutine e alla carne rossa.

Fonte: Adnkronos

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Spreco di cibo: i numeri in Italia (video)