Glifosato: tracce in diverse birre austriache, lo studio

Glifosato: tracce in diverse birre austriache, lo studio

Fonte immagine: Pixabay

Dopo le birre tedesche, anche le birre austriache contengono tracce di glifosato, in quantità peraltro non trascurabili: ecco i risultati dei test.

Un’indagine condotta dal Konsument svela che le birre austriache sono piene di glifosato, ovvero contengono tracce del pesticida tossico forse più noto e sotto accusa al mondo, che entra nell’amata bevanda attraverso il grano.

Lo studio è stato condotto da un laboratorio straniero specializzato in analisi degli inquinanti. Su un totale di 13 birre analizzate al microscopio, di cui 11 provengono da birrifici austriaci e due dall’estero, sono stati trovato residui di glifosato in cinque birre austriache (Gösser Märzen, Gösser Gold, Ottakringer Gold Fassl Special Beer, Wieselburger Gold, Ottakringer Helles Beer) e nella Pilsner Urquell. In quantità per nulla trascurabili, dato che secondo quanto rilevato oscillano da 0,7 a 12 microgrammi per chilo.

Già nel 2016 aveva suscitato scalpore un’indagine del German Environmental Institute di Monaco, che aveva saputo dimostrare come il pesticida sia presente nelle 14 birre tedesche più popolari.

Un problema comune, dunque, anche se il test in Austria è stato condotto su un campione ristretto di birre e mancano marchi forti, come Budweiser, Becks, Schwechater, Stiegl, Heineken, peraltro venduti anche in Italia. Occorrerebbero dunque altri test per capire con certezza quali siano tutte le birre contenenti glifosato, ma indubbiamente quanto emerso finora non è rassicurante.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio