Glifosato, Greenpeace: EFSA chiude gli occhi su rischio cancro

Glifosato, Greenpeace: EFSA chiude gli occhi su rischio cancro

Protesta di Greenpeace contro la decisione dell'EFSA di sconfessare i risultati ottenuti dall'indagine della IARC sul rischio cancro per il glifosato.

L’EFSA avrebbe chiuso gli occhi di fronte al rischio cancro legato all’utilizzo di glifosato. A sostenerlo è Greenpeace, secondo cui il rapporto ha reso più che agevole il percorso verso il rinnovo delle autorizzazioni europee all’utilizzo del pesticida.

Un rapporto quello dell’Autorità alimentare europea che risulterebbe basato, secondo l’associazione, su studi non pubblicati e commissionati dalle stesse aziende produttrici di glifosato. Come sostiene Federica Ferrario, responsabile Campagna Agricoltura di Greenpeace Italia:

Le rassicurazioni dell’EFSA sul glifosato sollevano seri dubbi sulla sua indipendenza scientifica. Buona parte del rapporto fa riferimento a studi non pubblicati commissionati dagli stessi produttori di glifosato.

Le prove del rischio sono inconfutabili, ma a questo punto dobbiamo prendere atto che l’EFSA preferisce contrapporsi alla più autorevole agenzia di ricerca sul cancro a livello internazionale pur di non dispiacere grandi aziende di pesticidi, come Monsanto.

Il giudizio della IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) sui rischi connessi all’uso di glifosato è stato espresso con la dicitura “probabilmente cancerogeno” per l’uomo. Secondo quanto stabilito dalle normative UE un prodotto con “presunto” collegamento a forme tumorali non può essere utilizzato, a meno che la relativa esposizione risulti “trascurabile”.

Non sarebbe tuttavia “trascurabile” l’esposizione al glifosato, prosegue Greenpeace, in virtù non soltanto dell’ampia diffusione nel mondo agricolo dei pesticidi che lo contengono, ma anche dell’inquinamento derivato a carico di acqua, alimenti, parchi cittadini e aree agricole.

La scadenza delle attuali autorizzazioni UE è prevista al 30 giugno 2016, trascorso il quale la Commissione Europea tornerà a pronunciarsi in merito all’utilizzo di glifosato nel territorio comunitario.

Più ragionevole sarebbe secondo Greenpeace attendere gli esiti dell’indagini in corso da parte dell’ECHA (Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche), che presenterà il suo rapporto sui rischi per la salute legati al glifosato (inclusi quelli tumorali) non prima del 2017. A sostenerlo la stessa Ferrario, che ha concluso:

Dato che l’ECHA potrebbe dare una valutazione diversa da quella dell’EFSA, e che il mondo scientifico ha posizioni discordanti sul glifosato, non ha senso rinnovare per altri dieci anni l’autorizzazione di questo erbicida prima della fine di questo processo.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Riso Gallo sostenibile: intervista a Riccardo Preve