Glifosato, colpo di scena EPA: il pesticida non è cancerogeno

Glifosato, colpo di scena EPA: il pesticida non è cancerogeno

Il glifosato non è dannoso per la salute pubblica secondo l'EPA, l'ente per la protezione ambientale USA.

Glifosato sicuro secondo l’EPA. L’agenzia per l’ambiente USA ha rilasciato un documento destinato a scatenare aspre polemiche, al cui interno viene difeso l’impiego del pesticida. Secondo l’ente statunitense l’erbicida contenuto nei prodotti Monsanto non mettere a rischio, se utilizzo in linea con le indicazioni contenute nell’etichetta, la salute pubblica.

Si tratterebbe di un prodotto a “bassa tossicità” per le api, sostiene l’EPA in merito al glifosato, e soprattutto che non risulterebbe cancerogeno per l’uomo. L’agenzia per l’ambiente USA avrebbe espresso delle perplessità unicamente in merito a un “rischio potenziale” per animali e piante, tanto da proporre nuovi limiti relativi al suo utilizzo. Limitazioni che riguarderebbero in modo particolare l’impiego “aereo” del pesticida.

Un parere che si scontra apertamente con quello fornito dalla IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro), collegata all’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che ha inserito il glifosato tra le sostanze “probabilmente cancerogene”.

Proprio il glifosato è alla base delle circa 13mila cause che sta affrontando attualmente la Monsanto, controllata attualmente dalla Bayer. L’azienda si trova a fronteggiare diverse richieste di risarcimento legate ai presunti effetti nocivi sulla salute degli addetti allo spargimento e di chi è stato soggetto a differenti tipologie di esposizione. Due le sentenze negative già ricevute dall’azienda, condannata a risarcire milioni di dollari (oltre 80 milioni) ad altrettanti agricoltori. Processi in corso non soltanto negli USA, ma anche in Francia, dove Monsanto è stata dichiarata colpevole lo scorso aprile.

A supporto della presunta cancerogenicità del glifosato anche uno studio della School of Public Health presso la University of Washington, condotto dalla dott.ssa Lianne Sheppard e presentato all’inizio del 2019, secondo cui l’esposizione al pesticida incrementerebbe del 41% il rischio di sviluppare un linfoma non Hodgkin.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi