• GreenStyle
  • Pets
  • Giraffe presto nella lista USA delle specie a rischio d’estinzione

Giraffe presto nella lista USA delle specie a rischio d’estinzione

Giraffe presto nella lista USA delle specie a rischio d’estinzione

Fonte immagine: Pixabay

Gli Stati Uniti stanno pensando di inserire le giraffe nella lista delle specie a rischio d'estinzione: un atto dovuto, data la popolazione in calo.

La popolazione di giraffe in libertà sta calando velocemente e, per questa ragione, gli Stati Uniti stanno pensando di inserire la specie nella lista degli esemplari prossimi all’estinzione. Già dal 1978 l’Endagered Species Act considera i grandi erbivori come animali a rischio sopravvivenza, ma al momento non è prevista nessuna protezione legale per tutelarne la conservazione della specie. Per questa ragione, l’U.S. Fish and Wildlife Service ha confermato l’intenzione di voler condurre una revisione, affinché anche questi splendidi animali possano essere pienamente salvaguardati.

I dati sono certamente allarmanti: tra il 1985 e il 2016, la popolazione mondiale di giraffe è diminuita del 40%, soprattutto a causa dell’intervento dell’uomo: tra la distruzione degli habitat naturali e il bracconaggio, infatti, la specie fa sempre più fatica a proliferare. Solo 97.000 esemplari sarebbero oggi disponibili in libertà, di cui 68.000 in fase adulta e riproduttiva.

Le autorità statunitensi avranno ora 12 mesi di tempo per condurre una profonda analisi sulle condizioni di sopravvivenza delle giraffe, prima di prendere una decisione finale. La discesa in campo dell’U.S. Fish and Wildlife Service deriva anche da una petizione avviata da scienziati ed esperti in conservazione nel 2017, i quali hanno sottolineato che alcune sottospecie della famiglia delle giraffe siano già a grave rischio d’estinzione. Ancora, gli esperti hanno fatto notare come tra il 2006 e il 2015 negli USA siano stati importati 21.402 ossa di giraffe, 3.008 pelli e 3.744 trofei di caccia. Una presa di posizione a livello governativo, di conseguenza, potrebbe renderne più difficile l’importazione, ribadendo l’illegalità della pratica.

Secondo Elly Pepper, del National Resources Defense Council, sottolinea come il governo statunitense negli anni abbia fatto davvero poco per la protezione di questi animali, ignorando sia il tema della caccia di frodo che le richieste degli scienziati:

Gli USA sono stati a lungo complici nel commercio di parti di giraffa, quindi è tempo per il governo federale di proteggere queste specie. È arrivato il momento di assicurarsi che le giraffe rimangano su questo Pianeta. Hanno bisogno di protezione con l’Endagered Species Act e ne hanno bisogno ora.

Fonte: Smithsonian

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!