Giornata mondiale dell’Alimentazione: le diete più salutari

Giornata mondiale dell’Alimentazione: le diete più salutari

Nella Giornata mondiale dell'Alimentazione si celebra la fondazione della FAO e la lotta contro la fame e la malnutrizione: le diete più salutari.

Il 16 ottobre 2019 si celebra la Giornata mondiale dell’Alimentazione. Fissata per ricordare l’istituzione della FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, istituita il 16 ottobre 1945 in Québec. Una data che ancora oggi rappresenta la necessità di contrastare la fame nel mondo e la malnutrizione, con quest’ultima ancora una realtà per circa un terzo della popolazione mondiale.

La Giornata mondiale dell’Alimentazione serve inoltre a ricordare che alcuni comportamenti scorretti a tavola possono rendere l’organismo umano più fragile esponendolo a un maggiore rischio di traumi e malattie. Diversi sono gli studi compiuti nel corso degli anni, provenienti da diversi istituti di ricerche e università del mondo. Al di là di specifiche e contingenti necessità, in linea generale l’alimentazione salutare per eccellenza sembra essere la Dieta Mediterranea.

L’alimentazione all’italiana prevedere un limitato ricorso alla carne, preferendo carni bianche magre, mentre punta con decisione sul consumo di frutta, verdura, legumi, olio d’oliva e frutta secca col guscio come noci, mandorle e nocciole. Spazio due-tre volte a settimana al pesce, mentre è limitato il consumo di formaggi e vino sia in termini di quantità che di periodicità.

Devo essere ridotti quanto più possibile carne rossa, cibi grassi e quelli contenenti troppi zuccheri. Un’alimentazione equilibrata che si basa sul concetto di mangiare le giuste quantità di ciascun cibo, senza esagerare. Molto importante nella Dieta Mediterranea il ricorso a frutta e verdura, vere e proprie riserve di vitamine e sali minerali.

Si avvicina molto alla Dieta Mediterranea per caratteristiche la dieta Flexitariana. Si tratta di un’alimentazione fortemente improntata al mangiare vegetariano con limitati e sporadici inserti di carne e pesce, che dovranno essere esclusivamente di buona qualità. Viene ritenuto un regime alimentare benefico sia per il cuore che per la prevenzione di tumori e diabete collegati a fattori alimentari.

Secondo quanto affermato nello “US News & World Report” a inizio 2019, utile al fine di mantenere più a lungo un generale stato di salute è la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension). L’obiettivo principale di questa alimentazione è di tenere sotto controllo l’attività cardiaca e l’ipertensione riducendo il consumo di grassi e mangiando molte verdure e frutta. Spazio anche ai formaggi “light”, mentre sono consentite soltanto quantità limitate di cereali integrali, frutta secca, pesce e pollame.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ciliegie senza glifosato: interviste ad Apofruit e Coop