Giocare a Ping Pong aiuta a rallentare il Parkinson

Giocare a Ping Pong aiuta a rallentare il Parkinson

Dal Ping Pong un aiuto naturale per attenuare i sintomi del Morbo di Parkinson, ad affermarlo i ricercatori giapponesi della Fukuoka University.

Giocare a Ping Pong potrebbe rappresentare un valido aiuto per rallentare il progresso del Morbo di Parkinson. Lo studio è stato condotto dai ricercatori della Fukuoka University e verrà presentato ufficialmente in occasione del 72esimo incontro annuale dell’American Academy of Neurology. L’evento si svolgerà in Canada da 25 aprile al 1 maggio.

Lo studio giapponese ha coinvolto 12 individui di età media pari a 73 anni, con livelli di Parkinson variabili da leggero a moderato. I soggetti convivevano con la malattia, in media, da circa 7 anni. Per sei mesi è stato chiesto loro di praticare una volta a settimana, per cinque ore consecutive, il Tennis da tavolo (comunemente noto come Ping Pong). A ciascuno di loro è stato valutato l’avanzamento della malattia all’inizio di tale periodo, verificandone la variazione dopo tre mesi e al termine del periodo indicato.

Sia dopo tre che dopo sei mesi i partecipanti mostravano una maggiore capacità di vestirsi, alzarsi dal letto, parlare e di scrittura manuale. Altri miglioramenti segnalati quelli riguardanti il tremore alle mani, la postura, le espressioni facciali, la velocità nei movimenti e la rigidità. Ha commentato il Dott. Ken-ichi Onoue, autore dello studio, in riferimento alla possibilità di ricorrere al Ping Pong come rimedio naturale contro il Parkinson:

Il Ping Pong è una forma di esercizio aerobico che è stato dimostrato migliori nella popolazione la coordinazione occhi-mani, affini i riflessi e stimoli il cervello. Abbiamo voluto esaminare se la gente con il Parkinson otterrebbe benefici similari che potrebbero tradursi in miglioramento di alcuni sintomi.

Se da un lato lo studio è limitato in termini di estensione, dall’altro i risultati sono incoraggianti perché mostrano che il Ping Pong, una forma terapica relativamente economica, potrebbe migliorare i sintomi del Morbo di Parkinson. Uno studio più esteso è stato pianificato per confermare questi risultati.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 cibi ricchi di vitamina C (video)