Giggles: un maiale candidato sindaco negli USA

Giggles: un maiale candidato sindaco negli USA

Fonte immagine: Pig's Nose via Shutterstock

Un maiale candidato sindaco per la città di Flint, negli Stati Uniti: un'iniziativa nata per protesta e già diventata fenomeno virale nel mondo.

Un simpatico maiale è candidato a sindaco di una cittadina statunitense, Flint nel Michigan. Giggles, questo il nome dell’irresistibile animale, è in corsa per occupare la poltrona di primo cittadino alle imminenti elezioni comunali, il tutto supportato da un piano politico più che completo.

La candidatura di Giggles, un esemplare di sesso femminile, è sostenuta da una pagina Facebook frequentata al momento da circa 2.000 iscritti. L’iniziativa, a quanto pare lanciata da un procuratore locale, sarebbe nata per protesta rispetto alle elezioni in corso, così come spiegato da un intervento sul social network. Innanzitutto, gli iscritti non gradirebbero la presenza di due aspiranti sindaco dal passato tutt’altro che irreprensibile, il primo condannato per omicidio e il secondo per guida in stato d’ebrezza. Inoltre, sembra che alcuni intoppi burocratici abbiano provocato dei limiti in sede di voto, poiché ai possibili candidati sarebbe stata consegnata una deadline sbagliata per l’iscrizione.

Maiale sindaco
Fonte: Giggles, pagina Facebook ufficiale Giggles, pagina Facebook ufficiale

La simpatica maialina, corredata da manifesti di voto digitali e di tante fotografie a tema, viene presentata come priva di precedenti penali, pronta a supportare la polizia e per nulla desiderosa di utilizzare denaro pubblico per scopi personali. L’obiettivo principale della discesa in campo dell’animale, per quanto satirica, sarebbe quella di accendere i riflettori sulla trasparenza di questa tornata di voto, così da attirare le attenzioni dei media e stimolare un maggiore controllo.

La campagna ha sollevato reazioni contrastanti, come facile intuire. Da un lato i supporter, convinti che l’intento sia necessario per mettere in luce alcune incongruenze locali. Dall’altro i detrattori, stupiti dall’iniziativa e preoccupati un simile gesto posta ridicolizzare la politica e le istituzioni. Non è dato ancora sapere, tuttavia, se Giggles potrà essere legalmente considerata sindaco in caso d’elezione, poiché la legge prevede che i candidati siano anche dei votanti registrati nella città di Flint. Non è la prima volta, tuttavia, che un animale diventa sindaco di una città, seppur con finalità diverse. Qualche tempo fa la città di San Francisco ha eletto Frida, una simpatica cagnolina, come primo cittadino per un giorno in occasione di un evento benefico.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella