Ghirlande di Natale: il tutorial per realizzarne una

Ghirlande di Natale: il tutorial per realizzarne una

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/corona-di-avvento-avvento-natale-4671100/

La ghirlanda di Natale è una perfetta decorazione per la porta di casa e per la tavola delle feste: tutti i passaggi per crearne una home-made.

La ghirlanda di Natale è uno dei principali simboli di questa festività, spesso esposta sulla porta di casa, sulle finestre o semplicemente sistemata come centrotavola. Questo prezioso oggetto vanta una storia molto antica, che prende il via dall’usanza di donare una corona d’alloro come premio o simbolo di gloria.

Dietro le caratteristiche della ghirlanda natalizia, inoltre, si celano significati particolari: la forma circolare simboleggia l’infinito, la presenza di foglie verdi deve richiamare l’attenzione sulla natura, che anche in inverno prosegue il suo corso, mentre le candele vengono talvolta inserite come simbolo di luce guida. Spesso, inoltre, la ghirlanda si arricchisce di bacche e pigne, ricche di significati augurali. 

Utilizzando vari materiali a scelta, è possibile realizzare una ghirlanda di Natale personalizzata e ancora più densa di significato. Qui di seguito sono descritti tutti i passaggi per creare una ghirlanda home-made a base di rami.

Cosa serve

Ghirlanda di Natale

Prima di scegliere i materiali per realizzare una ghirlanda di Natale, è opportuno valutare la sua collocazione, evitando di creare un oggetto facilmente deteriorabile se si sceglie di esporlo all’esterno dell’abitazione. La ghirlanda a base di rami si realizza avendo a disposizione:

  • rami di pino o di abete privi di resina;
  • un anello intrecciato di legno del diametro desiderato, oppure del fil di ferro ricavato dalle vecchie grucce;
  • spago;
  • portacandele di vetro (facoltativi);
  • decorazioni a piacere.

Tutorial

Ghirlanda di Natale

La prima cosa da realizzare è l’anello intrecciato, da usare come “anima” della ghirlanda: in assenza di alternative, è possibile riciclare le vecchie grucce di ferro, che possono essere modellate in modo da formare un anello rotondo, facendo in modo che si formino diversi spazi e fessure. Una volta completato, si procede in questo modo:

  • si inseriscono i rami di pino o di abete negli spazi dell’anello centrale, cercando di mantenere la stessa direzione;
  • si usa del semplice spago per fissare i rami all’anello;
  • si aggiungono le decorazioni che si preferiscono, lasciando dei piccoli spazi se si sceglie di usare la ghirlanda come centrotavola e di adornarla con le candele.

Decorazioni

Arancia e cannella

Per valorizzare la ghirlanda di Natale realizzata con rami di pino o abete, è importante utilizzare decorazioni che diano origine a contrasti suggestivi, aggiungendo ad esempio delle bacche di agrifoglio di colore rosso intenso, considerate veri portafortuna, oppure utilizzare fiocchi rossi e dorati. Un’idea sempre molto apprezzata, inoltre, è quella di completare la ghirlanda aggiungendo alcuni alimenti tipici della stagione invernale e soprattutto delle festività natalizie:

  • bastoncini di cannella, profumati e decorativi;
  • frutta secca con guscio, come noci e mandorle;
  • fette di arancia essiccate.

Questa ultima decorazione si può realizzare facilmente in casa utilizzando il forno tradizionale oppure il forno a microonde. Si devono affettare le arance dando uno spessore di circa tre millimetri, tamponando bene la superficie con della carta assorbente per eliminare il succo e asciugare al meglio. Si procede poi con la cottura, avendo cura di rigirare le fette abbastanza spesso. Se si desidera ottenere un risultato di colore più intenso, infine, è possibile aggiungere alle fette di arancia dello zucchero a velo a intervalli regolari, durante tutta la procedura di essiccazione.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Pranzo di Natale vegano: cosa cucinare